News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
14/02/2020 13.34 - quotidiano energia
Metodo tariffario rifiuti, “nessun intervento sull’applicazione dei Comuni”

I Comuni non avranno deroghe sull’applicazione del nuovo metodo tariffario 2020/2021 per i rifiuti, stando a quanto spiegato ieri dalla sottosegretaria al Mef, Maria Cecilia Guerra.
Rispondendo a una domanda sul tema di Marco Perosino (FI), la sottosegretaria ha chiarito che “non è intenzione del Governo presentare un emendamento al decreto-legge 30 dicembre 2019 n. 162, in esame presso la Camera, per rendere tale applicazione non vincolante”.
Già dallo scorso anno alcune amministrazioni hanno chiesto il rinvio di un anno sulla determinazione della Tari in base al nuovo metodo tariffario definito da Arera.

Sul tema rifiuti, in considerazione delle richieste pervenute da numerosi soggetti e della novità delle disposizioni contenute nella determinazione 4/2019 Drif, l’Autorità aveva deciso invece di prorogare al 18 febbraio 2020 i termini per ottemperare agli obblighi di trasmissione dei dati e delle informazioni inerenti la qualità del servizio gestione tariffe e rapporti con gli utent.

Il 19 febbraio a Siena, infine, il dipartimento di Giurisprudenza dell’UniSi organizza un convegno sulla tariffa puntuale per i rifiuti al quale parteciperà anche Andrea Guerrini, membro del collegio Arera (il programma è disponibile in allegato sul sito di Quotidiano Energia).