News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
15/09/2020 00.00 - Radiocor
Energia: Patuanelli firma Dm comunita' energetiche e di autoconsumo, "e' svolta"
(Radiocor) - Roma, 15 set - Il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, ha firmato il decreto ministeriale per l'introduzione di un incentivo a sostegno delle comunita' energetiche e dell'autoconsumo. La firma e' avvenuta nel corso di una conferenza stampa in Senato in cui e' intervenuto anche Beppe Grillo, nel corso della quale il presidente della commissione Industria, Gianni Girotto (M5S) ha spiegato che questa misura e' cumulabile con il superbonus e anticipa misure europee. Girotto ha riferito inoltre che l'incentivo non pesera' sulla bolletta perche' ne sostituira' un altro.
Patuanelli ha sottolineato che la firma e' insieme "un punto di arrivo e di partenza. Siamo davanti a una svolta importante che consentira' lo sviluppo ulteriore di produzione di energia da fonte rinnovabile". E' un "percorso virtuoso che in parte questo Paese ha gia fatto negli ultimi anni e porta a produrre finalmente energia non solo da fonti rinnovabili ma porta i cittadini a produrre e consumare l'energia che producono". "Oggi e' una giornata storica. Anticipando i tempi di recepimento della direttiva sulle fonti rinnovabili, con la firma del decreto Mise siamo tra i primi Paesi Ue a dare il via alla stagione dell'autoconsumo collettivo e delle comunita' energetiche, grazie alla quale cittadini, imprese e Comuni potranno finalmente attivarsi collettivamente per produrre e consumare energia a livello locale, riducendo i costi dei consumi elettrici, alimentando la crescita economica e abbattendo le emissioni inquinanti e i conseguenti impatti ambientali e sanitari" spiega ancora Girotto in una nota.
"Grazie alle nuove regole che abbiamo introdotto - aggiunge - abbiamo l'opportunita' concreta di attivare filiere industriali, occupazione e crescita economica, realizzando, al contempo, la transizione energetica ed ecologica del sistema elettrico del nostro Paese, e in condizione di affrontare meglio le sfide di quest'epoca: cambiamento climatico, impatti delle emissioni sulla salute, dipendenza dell'approvvigionamento energetico in un quadro geopolitico destabilizzato. Si tratta di un cambiamento che sposta il baricentro della produzione e consumo di energia sul territorio, sui Comuni, sulle comunita' locali, sulle piccole imprese: un nuovo paradigma che portera' un cambio culturale del modello produttivo industriale e nuove regole, che determineranno numerosi vantaggi e benefici collettivi per tutti".