News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
09/10/2018 17.00 - Utilitalia
UTILITALIA E ANCI FIRMANO PROTOCOLLO DI INTESA PER PROMUOVERE LA COOPERAZIONE TERRITORIALE

Potenziare gli interventi di Cooperazione internazionale fra i territori e in particolare il partenariato territoriale previsto dalla nuova legge sulla cooperazione con la partecipazione attiva di tutti i soggetti presenti sul territorio, è l’obiettivo del Protocollo condiviso da Anci e Utilitalia. Una convergenza che nasce dall’esigenza di individuare delle procedure per facilitare la collaborazione delle aziende dei pubblici servizi nei progetti di cooperazione territoriale e più in particolare per il sostegno al Programma partecipativo promosso da Anci “Municipi senza Frontiere”. Attraverso incontri, materiali informativi e tavoli di confronto, l’Anci si impegna a supportare i Comuni nella definizione di atti amministrativi ai fini di promuovere progetti di cooperazione e a sensibilizzarli sull’individuazione di figure di tecnici esperti. Dall’altro lato, Utilitalia si impegnerà a coinvolgere gli associati nei progetti di cooperazione al fianco dei Comuni per aumentare e perfezionare le attività. Questo porterà un valore aggiunto ai progetti di cooperazione territoriale promossi dall’Anci, con l’ulteriore obiettivo di perfezionare le attività che coinvolgono i Comuni italiani nei territori di intervento.

“Con ‘Municipi e Città senza Frontiere’ – dichiara il presidente dell’Anci, Antonio Decaro –  sono microinterventi di cooperazione, ma molto concreti. Stiamo sostenendo, per esempio, progetti per la riduzione delle perdite di acqua nei Comuni del nord est della Siria. Questi scambi, come previsto dalla nuova legge sulla cooperazione, consolidano i rapporti, sostengono la stabilità e la pace, offrono occasioni di sviluppo in economie emergenti e di co-sviluppo per le nostre comunità locali. In questo quadro è importantissimo l’apporto delle società di pubblici servizi. Con questo protocollo con Utilitalia offriamo le coordinate utili per la partecipazione delle aziende nei progetti di cooperazione territoriale”.     

Il coinvolgimento delle aziende di pubblici servizi e degli operatori tecnici è teso a valorizzare le risorse presenti sul territorio per impegnarle attraverso il riconoscimento delle eccellenze sulla gestione dell’acqua, dell’autosufficienza energetica e delle energie rinnovabili, sul trasporto pubblico, sulla gestione dei rifiuti e sull’economia circolare, sulla sicurezza alimentare.