News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
17/05/2018 20.05 - Quotidiano Enti Locali e Pa
Acsm, scatta l'Opa totalitaria a 2,47 euro

L’assemblea straordinaria di Acsm-Agam ha dato il via libera con un’ampia maggioranza alla multiutility della Lombardia ma sancisce anche l’obbligo di un’Opa totalitaria da parte di A2A e Lario Reti Holding, società pubblica controllata dal Comune di Lecco, sul 24,2% della stessa Acsm a 2,47 euro, prospettiva che ieri ha fatto schizzare il titolo del 5,5% a 2,5 euro. Il riassetto, che ha raccolto un ampio consenso tra i soci e vedrà l’incorporazione in Acsm (utility di Como e Monza, assistita nel deal dallo studio BonelliErede) delle municipalizzate di Varese, Valtellina, Valchiavenna e Lecco con A2A come partner industriale al 38,9%, è stato approvato con il 79,7% di voti favorevoli del capitale totale (oltre il 92% dei presenti). A2A, tuttavia, a seguito dell’operazione ha superato il 30% del capitale di Acsm e la normativa prevedeva l’esenzione dall’offerta pubblica obbligatoria solo nel caso in cui la maggioranza delle minoranze presenti in assemblea votasse favorevolmente alle delibere. In tutto le minoranze registrate sono state pari al 10,53% e i voti contrari hanno raggiunto il 6,5%: quindi A2A, assistita da Mediobanca, e Lario Reti Holding dovranno lanciare un’Opa per un esborso massimo di circa 45 milioni. Tra i voti contrari hanno pesato quello della famiglia toscana Nizzi-Baroncelli mentre Edison si è espressa a favore e Cariplo non si è presentata. In ogni caso, l’impegno dei soci è quello di tenere Acsm quotata e quindi, dopo l’Opa (che vedrà A2A farsi carico di buna parte dell’esborso), verrà ripristinato il flottante «in misura adeguata a consentire il mantenimento della quotazione della società a Piazza Affari». La nuova Acsm sarà operativa a inizio luglio mentre l’Opa totalitaria potrebbe partire in settembre e dunque non influenzerà in nessun modo la partenza del nuovo progetto, che ha come advisor comune Pwc. «È stata fatta un’operazione straordinaria e unica nel nostro Paese: cinque territori importanti come Sondrio, Lecco, Varese, Monza e Como hanno lasciato da parte campanilismi vari e guardato la Luna e non il dito», ha sottolineato Dario Allevi, sindaco di Monza e attuale primo socio di Acsm con il 27,1%. Ora naturale che la nuova Multiutility della Lombardia, con A2A che consolida mol e debito, dopo un primo periodo di rodaggio guardi anche a nuovi possibili partner nella Regione, tra cui è iniziato circolare il nome della brianzola Gelsia.