News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
09/05/2019 16.10 - PUBLIC POLICY
ACQUA, ROLLE: GARE DEPURAZIONE BANDITE ENTRO 2020 E PARTONO TUTTE LE OPERE

(Public Policy) - Roma, 09 mag - Le attività sono già in corso in tutti i 104 agglomerati affidati alla struttura commissariale: secondo i nostri cronoprogrammi, entro il 2019 tutte le gare di progettazioni saranno bandite, entro il 2020 lo saranno tutte le gare di lavori e probabilmente verranno avviate anche tutte le opere. Ad oggi abbiamo bandito ottanta gare per indagini progettazione e lavori per un valore di oltre 170 milioni di euro, quarantotto di queste sono concluse, 43 invece sono i contratti stipulati. Il commissario straordinario unico per la depurazione, Enrico Rolle, nel corso dellaudizione in commissione Ecomafie di ieri, ha tracciato un quadro generale del lavoro fin qui svolto sulle due procedure dinfrazione (cause C-565/10 e C-85/13) su cui lItalia è stata condannata dalla Corte di Giustizia europea.

Altro tema affrontato - ricorda una nota della struttura commissariale - quello delle risorse finanziarie: La struttura  afferma Rolle - ha fatto richiesta al ministero dellAmbiente di unintegrazione di 300 milioni di euro sul fondo per gli investimenti, che si dovrebbero rendere disponibili nei prossimi anni fino al 2023.

Al commissario è stato chiesto di fare in particolare un punto sugli interventi in Calabria. Sono 13  come ha spiegato nel dettaglio il componente della struttura Fabio Trezzini - gli agglomerati in infrazione, cinque sono di diretta attuazione della struttura (Reggio Calabria, Acri, Castrovillari, Crotone e Montebello Jonico) mentre sugli altri (Bagnara Calabra, Mesoraca, Motta San Giovanni, Cosenza-Rende, Rossano, Sellia Marina, Siderno e Soverato) svolge un ruolo di coordinamento. Dopo la Sicilia è la Regione con il maggior numero di interventi da realizzare: interloquiamo con la Regione e accompagniamo gli enti locali, con le complessità note che derivano da una mancanza di gestori del servizio idrico e da una pianificazione d'ambito ancora incompiuta. La scelta fatta in passato dalla Regione di ricorrere allo strumento del project financing per realizzare le opere  ha spiegato Rolle - ha caratteristiche potenzialmente onerose per le amministrazioni e non ha contribuito in modo determinante a risolvere i problemi della gestione.

(Public Policy)

@PPolicy_News

RED

091610 mag 2019