news

16/05/2016 (e-gazette) - Regioni inadempienti su depuratori e discariche

"Le Regioni facciano per l'ambiente quello che prevede la legge. Molte non lo fanno". Lo ha detto l’altra settimana il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, in un'intervista con Avvenire in cui sottolinea che "sia al Nord che al Sud troviamo regioni dove la raccolta differenziata non è partita e c'è un uso ancora troppo intenso delle discariche, alcune abusive e già oggetto di un'infrazione Ue. Abbiamo troppi impianti di depurazione mal funzionanti o che addirittura non ci sono".
Così, prosegue nell’intervista, "sono dovuto intervenire in moltissimi casi con il potere sostitutivo, cioè nominando - come mi permette lo Sblocca Italia - dei commissari ad acta per portare a termine questi interventi. È una patologia del sistema. Se devo nominare un commissario vuol dire che c'è qualcosa che non ha funzionato. Il turismo non lo spaventi con le trivelle ma col mare sporco", ha detto Galletti riferendosi anche al referendum del 17 aprile scorso.
"Il problema dei controlli me lo sono posto e lo stiamo risolvendo con due iniziative. Un disegno di legge che verrà approvato dal Parlamento nelle prossime settimane per creare una rete nazionale delle Arpa, le agenzie regionali, in maniera che i controlli siano omogenei su tutto il territorio, perché oggi non lo sono. Poi la revisione del Titolo V della Costituzione, dove gran parte delle materie ambientali vengono riportate al centro. La devoluzione non ha funzionato ed è stato uno dei problemi dei controlli ambientali".