news

8/11/2016 (Quindici) - UTILITALIA AD ECOMONDO, L’ECONOMIA CIRCOLARE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

Apre a Rimini Ecomondo 2016 (dall’8 all’11 novembre), con un’edizione della più nota fiera dell’industria dell’ambiente in Italia dedicata all’economia circolare. Per Utilitalia - partener di Rimini Fiera, organizzatore dell’evento -, si tratta di un contesto particolarmente importante, in grado di evidenziare eccellenze e nuove sfide delle utility italiane, impegnate nel miglioramento dei servizi di pubblica utilità e di tutela dell’ambiente. La Federazione è presente ad Ecomondo con 2 grandi stand: WASTE (al padiglione B3) e WATER (al padiglione D1), che ospita anche la PIAZZA DELLE UTILITIES, la grande area delle lunch conference a cura delle imprese associate.
Utilitalia declinerà l’economia circolare per tutti i settori di competenza: acqua, energia e rifiuti, con una particolare attenzione ai cicli industriali di cui ridurre gli impatti e dai quali recuperare risorse per nuovi impieghi.
Il servizio idrico è protagonista di azioni di recupero e riuso per fini energetici, con impianti di produzione di biometano dai fanghi di depurazione, o di efficientamento nella gestione degli scarichi fognari per la salvaguardia dei corpi idrici e la promozione turistica e balneare. L’acqua sarà protagonista anche nel corso della presentazione del “Manuale Alluvioni. Note tecniche su alluvioni e servizi idrici integrati”, realizzato da Utilitalia con lo scopo di fornire uno strumento utile a tecnici, studiosi, amministratori ed aziende. Per la Federazione si tratta di un secondo lavoro editoriale legato ai temi dell’emergenza e della prevenzione; il primo volume dedicato ai fenomeni sismici e alle infrastrutture idriche fu presentato a L’Aquila nel 2013. Il Manuale nasce anche dalla collaborazione tra Utilitalia e Protezione civile, che nei mesi scorsi ha dato vita al Protocollo per l’intervento coordinato delle aziende di servizi pubblici locali in caso di terremoti ed emergenze idrogeologiche.
Per il settore dei rifiuti l’appuntamento di Ecomondo sarà l’occasione per approfondire l’imminente passaggio del settore tra quelli regolati dall’Autorità per l’Energia elettrica, il Gas e il Sistema idrico, che a breve cambierà nome in Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera, a seguito dalla L. 124/2015). Tra le sfide attese dal settore quello di un sistema tariffario in grado di favorire lo sviluppo industriale, di rendere più trasparente il servizio, di responsabilizzare i vari attori coinvolti (istituzioni, cittadini, imprese) e di perseguire e realizzare il principio comunitario del “chi inquina paga”. Tra gli elementi dinamici e di attualità, anche il recente impegno del Ministero dell’Ambiente nella definizione della tariffa corrispettiva. Il settore dei servizi di igiene ambientale prosegue poi il suo impegno verso iniziative di recupero di materia e di energia dai rifiuti, anche attraverso eventi europei come la Settimana europea per la riduzione dei rifiuti (2016), in collaborazione con Ministero dell’Ambiente, Anci, Città metropolitane e Legambiente. Nel corso di Ecomondo, inoltre, sarà presentato il Green Book. I dati sulla gestione dei rifiuti urbani in Italia, a cura della Fondazione Utilitatis.
Non mancheranno accenni alle tematiche internazionali, con un focus sugli SDGs che impegneranno il mondo ad elaborare soluzioni in grado di promuovere una crescita economica senza produrre degrado ambientale, secondo logiche di sviluppo sostenibile entro il 2030. Utilitalia, insieme alle associazioni mondiali Iwa ed europea Eureau, illustrerà gli scenari di questa nuova sfida globale, che dovrà portare ad una drastica riduzione delle emissioni climalteranti in tutti i processi industriali e di efficientamento dei servizi, in una logica di risparmio delle risorse e riuso.
Per informazioni e registrazioni: Utilitalia.

Altre notizie su Quindici.