AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
26/03/2020 - Gazzetta di Parma
Iren Maxi cedola: 3,8 mln vanno al Comune di Parma

Il gruppo chiude il 2019 con una crescita in tutti i settori di business. Gli investimenti salgono del 17%, 51,4 mln sul nostro territorio
Iren ha chiuso il 2019 con ricavi in crescita del 5,8% a 4,27 miliardi di euro. L' utile netto è salito del 19,7% a 237 milioni (+39 milioni al netto di effetti straordinari). «I risultati approvati evidenziano la solidità della gestione di ogni singolo business con un margine operativo lordo che si attesta a 917 milioni di euro, in crescita di 51 milioni» ha detto l' ad Massimiliano Bianco. Nel 2019 Iren ha infatti visto una solida crescita di tutti i settori d business sostenuta da un incremento del 17% degli investimenti, pari a 524 milioni, di cui 51,4 milioni in provincia di Parma. Una crescita, secondo il Presidente Renato Boero, «basata sia su driver organici, supportati da investimenti in aumento del 17% rispetto all' anno precedente, sia su operazioni di consolidamento che hanno contribuito a un incremento dell' ebitda pari a 11 mi lioni di euro e visto l' ingresso nel gruppo di San Germano, Fg Ferrania Ecologia, Territorio e Risorse e Sanremoluce. Un processo che proseguirà anche nel 2020, come testimoniano le operazioni con I.Blu e Si.Di.Gas». Il Cda proporrà all' assemblea dei soci un dividendo in incremento del 10,1% a 0,0925 euro per azione che, per il Comune di Parma, significa un introito di 3,8 milioni. Una crescita che segue quella del 20% del 2018 e una previsione di crescita annua della cedola del 10% fino al 2024. «I risultati ottenuti nel 2019 confermano il percorso virtuoso degli ultimi cinque anni anche grazie alla crescita organica, pari a 36 milioni di Ebitda - si legge in una nota del gruppo - supportata da tutti i segmenti di business, alle sinergie (10 milioni di euro di Ebitda) e a una solida base clienti nei settori ener getici pari a 1,815 milioni in aumento di oltre 33.000 unità rispetto al 2018». Con riferimento all' emergenza Coronavirus, secondo l' ad Massimiliano Bianco «la solidità economico finanziaria e l' eccellenza gestionale e industriale raggiunta in questi anni ci consentono di affrontare anche situazioni emergenziali, come quella che stiamo vivendo, con la fiducia di poter raggiungere gli obiettivi indicati nel piano industriale approvato a settembre 2019. La resilienza del nostro modello di business basato principalmente su attività regolate e quasi regolate e le azioni organizzative e gestionali adottate in questo periodo ci consentiranno di limitare gli effetti negativi derivanti dall' emergenza Covid19». Sull' emergenza in corso il presidente Renato Boero ha voluto «ringraziare tutti i dipendenti di Iren che stanno continuando a garantire con l' efficienza di sempre, e con modalità innovative rispetto al passato, l' erogazione dei servizi essenziali sui territori in cui opera il gruppo. Oggi, più che mai, questo per Iren significa essere vicino ai propri territori». Il Consiglio di amministrazione di Iren ha infine approvato il bilancio di sostenibilità 2019. Tra i risultati più significativi si segnala la distrettualizzazione del 50% delle reti idriche gestite dal gruppo, attività che ha consentito una riduzione delle perdite di rete pari al 33,4% a fine 2019 e l' incremento del livello di raccolta differenziata del gruppo al 67,3%. r.eco.