AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
14/08/2019 - La Gazzetta del Mezzogiorno
In via Amendola lavori no stop

L' assessore: a novembre corsie di marcia separate, a luglio 2020 opera completa DISAGI AL MINIMO Galasso: «Qualche intoppo ma si procede speditamente»
Cantiere di via Amendola aperto per ferie. Nella settimana di Ferragosto si ferma l' im presa impegnata nel raddoppio dell' arteria di Carrassi, ma entrano in azione Amgas ed Enel per gli interventi di loro competenza. Qualche intoppo imprevisto ha rallentato il procedere dei lavori, ma da Palazzo di Città rassicurano il rispetto dei tempi di realizzazione per la prossima estate della preziosa opera legata alla viabilità cittadina. Intanto, Comune e azienda hanno effettuato la prima cosiddetta perizia di variante che riguarda principalmente i sottoservizi, per un costo di poco superiore a 350mila euro. Infatti, si passa da 4,62 milioni a a 4,97 milioni. A breve poi, sarà fatta la seconda integrazione all' ap palto, legata al progetto delle Ferrovie - il cosiddetto Nodo ferroviario che libererà la costa sud dai binari, deviando su via Amendola -, in vista della costruzione del sottopasso di viale Einaudi in direzione Japigia. Si diceva di qualche piccola difficoltà in più in questa prima fase, legata per lo più alle molteplici interferenze delle vie laterali con via Amendola, che com' è noto sarà allargata per trasformarsi in una strada a quattro corsie, raddoppiando l' attuale carreggiata fino alla larghezza di 22 metri. Operai al lavoro quindi per recuperare 11 metri in totale, smontando e rimontando metri di recinzioni (oltre 450 metri) e cancelli delle storiche ville sul lato sinistro della strada che poi s' innesta con la Statale 100 da e per il Sud est Barese. L' intervento riguarda 1,1 chilometri da Mungivacca a viale Einaudi, con spartitraffico centrale, nuovi marciapiede e pista ciclabile, ma anche tre nuove rotatorie, rispettivamente agli incroci con via Hahnemann, via Laforgia e viale Einaudi. I posti auto sottratti dal cantiere verranno rimpiazzati da un' area parcheggio su via Pietro Sette, che sarà gestito dall' Amtab. CORSIE SEPARATE - Al mo mento, il cantiere sta portando a compimento la parte più complessa relativa all' allargamento della sede stradale, intervenendo sulla parte a destra di via Amendola, dal lato dell' Ospeda le pediatrico, ma, complice il periodo estivo, con disagi al minimo per la circolazione veicolare. Una volta completata la viabilità complanare - compresi gli stalli per i parcheggi, da viale Einaudi al ristorante i Due Ghiottoni -, per metà novembre si conta di spostare sul lato del Giovanni XXIII una delle due direzioni di marcia. «A quel punto, completati muretti e recinzioni relativi agli espropri, marciapiedi largo e pista ciclabile, potremo usufruire dei primi benefici dell' intervento, separando i due sensi di marcia su carreggiate larghe 4-5 metri, a beneficio di transiti eventuali di ambulanze e mezzi di soccorso», spiega l' assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso. TABELLA DI MARCIA - «In particolare da novembre a gennaio i lavori si concentreranno sullo spartitraffico centrale caratterizzato da tanto verde e dai pali centrali dedicati all' illumi nazione, dotati fi doppio braccio su entrambe le corsie di marcia», prosegue l' assessore. Quindi a febbraio 2020 a marzo verrà rifatto il marciapiede sul lato sinistro (allargato con scivoli disabili e arredi), mentre da aprile a giugno l' attenzione si sposta sulle rotatorie, la cui prima metà verrà realizzata e messa subito a disposizione della circolazione veicolare, poi saranno completate le altre metà. I rondò dal diametro di 45 metri saranno molto scenici, richiamando temi fondamentali della città mare, lame e quartiere murattiano -, ma soprattutto permetteranno l' elimi nazione di venti semafori. «Nel complesso, i lavori procedono speditamente nonostante qualche intoppo che ha rallentato il cantiere ma non dilaterà i tempi di consegna dell' opera completa di marciapiedi, rotatorie e spartitraffico fissati per giugno 2020. A quel punto mancherà solo da eseguire la parte più superficiale dell' asfalto con la relativa segnaletica nuova orizzontale, che verrà effettuata nelle prime settimane di luglio», rassicura Galasso.