AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
15/05/2019 - Il Sole 24 Ore
Sparisce la gavetta, gli Z parlano digitale

GRUPPO HERA
«Siamo ai primi passi di un percorso di avvicinamento tra generazione Z e mondo del lavoro - premette Federico Ulisse Giva, responsabile Personale mercato, sviluppo e innovazione della multiutility Hera -. È necessario avvicinarsi a loro e conoscerli nel dettaglio». Così i ragazzi condividono alcune caratteristiche: focus sulla ricerca di una opportunità lavorativa che risponda fin dall' inizio alle proprie aspettative perché è sparito il concetto della "gavetta". In più hanno «estrema consapevolezza del proprio potenziale e delle conoscenze acquisite durante il percorso formativo - aggiunge Giva -. C' è la ricerca della soddisfazione personale sul lavoro perseguendo le proprie passioni ancora prima della ricerca di una retribuzione adeguata». Nel faccia a faccia del colloquio non vivono quel momento in posizione di subordinazione o «di chi cerca» lavoro, piuttosto è l' azienda che deve essere capace di cogliere l' opportunità di acquisire una giovane risorsa con potenziale. Si presentano con un abbigliamento informale con "creatività" estetica ovvero tatuaggi, colore dei capelli, piercing ma ormai i selezionatori non si lasciano influenzare o condizionare. «Nel Gruppo Hera sono presenti Gen Z in molte aree come il front office e il pronto intervento - rimarca il responsabile HR -. Gli Zeta si aspettano di lavorare in un' azienda veloce, moderna e digitale perché sono bombardati da informazioni, pragmatici e parlano per immagini». Così il Gruppo ha avviato il programma Her@futura, con un' indagine per mappare la propensione al digitale dei candidati che si approcciano all' azienda per trasmettere all' esterno la propensione alla trasformazione digitale. «Un episodio che mi ha particolarmente colpito è accaduto durante un colloquio a un giovane che per raccontare i suoi progetti ha utilizzato un Architectural portfolio su piattaforma online - ricorda Giva -. Così abbiamo potuto vedere le sue realizzazioni con la possibilità di valutare ulteriori tratti distintivi del suo modo di lavorare». © RIPRODUZIONE RISERVATA.

E.N.