AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
26/03/2020 - Italia Oggi
E.On dimezza i profitti

A 1,57 miliardi di euro nel 2019. Utile adjusted in crescita del 2%
Il dividendo aumenterà del 5% all' anno
E.On ha accusato un forte calo dei profitti e ha presentato una nuova politica per il dividendo valida fino al 2022. L' utile netto dell' utility tedesca è dimezzato nel 2019 a 1,57 miliardi di euro dai 3,22 mld dell' anno precedente. Su base adjusted, invece, il dato ha evidenziato una crescita del 2% a 1,54 miliardi. Le vendite sono salite, da 30,08 a 41,48 miliardi. L' azienda ha proposto una cedola di 46 centesimi ad azione, adottando una nuova politica di remunerazione, con un tasso di incremento annuo massimo del 5% fino al 2022. Quest' anno E.On si aspetta un ebit adjusted compreso fra 3,9 e 4,1 miliardi di euro e un utile netto rettificato di 1,7-1,9 miliardi. I profitti dovrebbero registrare un miglioramento nelle divisioni core del business, mentre quelli derivanti dalle divisioni secondarie potrebbero subire una flessione a causa della chiusura di molti impianti di energia nucleare entro il 2022. «Il consiglio di amministrazione prevede che nell' anno fiscale 2020, il primo che comprenderà la presenza di Innogy, la società vedrà un incremento dell' utile, sebbene non abbia ancora valutato le possibili implicazioni della crisi legata al coronavirus». E.On prevede di ottenere guadagni per 740 milioni a partire dal 2022 e per 780 mln dal 2024 legati a Innogy. Intanto l' azienda si impegnerà a diventare una società carbon neutral entro il 2040 e si unirà alle altre realtà tedesche che, durante la pandemia, permetteranno agli utenti che non possono sostenere i costi delle bollette di accedere alla fornitura elettrica. L' utility ha riferito che il 90% degli investimenti futuri sarà destinato all' espansione delle infrastrutture energetiche, che aiuteranno l' Europa nel passaggio alle energie rinnovabili. La sola Germania dovrà investire oltre 150 miliardi di euro fino al 2050 per potenziare la rete di distribuzione energetica. A Francoforte il titolo E.On ha guadagnato il 6,50% a 8,86 euro. © Riproduzione riservata.