AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
14/02/2020 - Il Mattino di Padova
Etra, Bossola nuovo direttore generale della multiutility

cittadella
CITTADELLA. Il consiglio di sorveglianza della multiutility Etra ha votato all' unanimità la nomina del nuovo direttore generale. Si tratta di Andrea Bossola, 58 anni, di Roma. Si chiude così un lungo periodo che ho visto la società che gestisce il servizio idrico integrato e dei rifiuti senza vertice direzionale. A settembre dello scorso anno il consiglio di sorveglianza e il consiglio di gestione di Etra avevano rispettivamente autorizzato e deliberato la nomina del nuovo direttore generale, individuato in Alberto Pierobon. Originario di Cittadella, 59 anni, residente nel trevigiano, ricopre attualmente l' incarico di assessore della regione Sicilia. Per motivi personali, dopo un mese, aveva però declinato l' offerta. Ad Etra non è rimasto altro che riprendere in mano la questione. La selezione del nuovo direttore generale è stata affidata alla società Spencer Stuart, che ha individuato in Bossola la figura di spicco in Italia relativamente alla gestione del servizio idrico. Laureato in ingegneria idraulica, è un dirigente di elevato livello, con un importante curriculum; tra le esperienze, quella in Acea Roma nel ruolo di direttore area industriale estero, direttore area industriale idrico, direttore aria industriale reti, oltre ad amministratore delegato della società capitolina, dove, partendo da consigliere d' amministrazione, ne ha fatto parte dal 2003 al 2017. Attualmente è presidente del consiglio di amministrazione della società idrica laziale Talete con sede a Viterbo, ma è stato consigliere di amministrazione di varie società idriche della Toscana, Lazio, Umbria e Campania. Ora approda in Veneto. Proprio questa sua intensa attività lo ha portato ad avere dialoghi con amministrazioni politiche di tutti gli schieramenti. Per Etra la scelta del nuovo direttore generale rappresenta un importante momento societario dopo le note vicende giudiziarie che hanno interessato due tra i massimi dirigenti. --S. B.