AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
12/11/2019 - Il Piccolo (ed. Gorizia)
Legambiente: «Sindacati appiattiti su A2A nel piano riconversione»

E il Pd resta «perplesso»
Il progetto A2A di riconversione a gas naturale della centrale termoelettrica di Monfalcone incassa il sostegno pieno e convinto di Confindustria, ma non quello del Pd. Almeno di quello monfalconese, che, seppur attraversato da sensibilità diverse, esprime tutte le sue perplessità su un piano definito «tutt' altro che chiaro» e che, in ogni caso, sembra ridurre l' occupazione a un terzo di quella attuale.Per i dem monfalconesi bisogna, quindi, «ragionare sul futuro, perché quello che si decide oggi potrebbe ipotecare i prossimi cinquant' anni della città, come ci dimostrano i gruppi a carbone dell' attuale centrale elettrica». I dem, insomma, sembrano sposare la linea dell' uscita netta dall' uso delle fonti non rinnovabili nel sito che è anche dell' amministrazione comunale, delle associazioni ambientaliste e del Comitato rione Enel.Il Pd sferra quindi un attacco al governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, accusato di sostenere una posizione "pro centrale", e al segretario della Cgil isontina Thomas Casotto che «sembra convergervi», sottolineando in conclusione «il silenzio assordante del sindaco di Monfalcone».Legambiente Monfalcone dal canto suo chiama in ballo le organizzazioni sindacali, "appiattite" per l' associazione sulla posizione di A2A e che, seppur sollecitate, non hanno effettuato «alcun tentativo di slancio propositivo per dare un futuro di sostenibilità a un' area di grande interesse per il destino dell' economia regionale». Legambiente sembra apprezzare invece, per quanto emerso, gli aspetti del progetto di A2A che sembrano aver colto i suoi suggerimenti, avanzati con un progetto per la riconversione sostenibile del sito. Rimane, però, allo stesso tempo il vulnus di fondo: cioè la sostituzione del carbone con il gas naturale «che, per quanto con un impatto ambientale minore, non può essere considerata una soluzione che guarda al futuro». Soprattutto se si tratta di lottare in modo concreto e non solo a parole contro i cambiamenti climatici, come rimarca il Circolo Zanutto di Legambiente. -La. Bl.