AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Torna alla rassegna
12/10/2018 - Il Tempo
Acea conquista il controllo della rete gas di Pescara

L' ad Donnarumma: «Puntiamo a un ruolo significativo in un comparto strategico
Acquisito il 51(1/0 della società attiva nella distribuzione di metano
Valerio Maccari Servizio idrico integrato, energia e ora anche gas. Acea è sempre più una vera multiservizi: il gruppo romano ha sottoscritto ieri un accordo con le società Alma C.I.S. e Mediterranea Energia per l' acquisizione del 51 per cento del capitale da loro detenuto nella società Pescara Distribuzione Gas, attiva nella distribuzione di gas metano nel Comune di Pescara. Le due società venditrici, che manterranno il 49 per cento del capitale, parteciperanno in sinergia con Acea alla gestione industriale dell' infrastruttura. L' acquisizione - che ha visto UBI Corporate 8t Investment Banking nel ruolo di advisor finanziario e lo studio Grimaldi come advisor legale - porta in Acea una fetta importante del mercato italiano della distribuzione gas: la società governa infatti l' intera rete del Comune di Pescara ed è proprietaria di circa la metà della stessa - il resto fa capo al Comune della città abruzzese - per un totale di 325 chilometri di rete e circa 62 mila PDR, i punti di riconsegna che identificano il modo univoco le utenze. Il gas per Acea, che è già leader italiano nei servizi idrici integrati e seconda solo all' Eni nell' energia, è sl una novità ma non inattesa: nel piano industriale 2018-2022, presentato lo scorso novembre, prevedeva tra le iniziative strategiche, proprio l' ingresso della multiutility controllata al 51 per cento dal Comune di Roma nel mercato della distribuzione del gas naturale nelle zone dove già opera nel settore idrico. «Ci sono un certo numero di opportunità su alcune delle quali ci siamo già attivati, con collegamenti con operatori medio -grandi per l' avvio di partnership o per l' acquisizione di quo te», aveva spiegato allora l' amministratore delegato di Acea Stefano Donnarumma. Che oggi conferma la strategia. «Con questa operazione diamo inizio a quel percorso, delineato nel nostro piano industriale, che porterà il Gruppo a ricoprire un ruolo significativo in questo importante compar to strategico», spiega. Il valore economico dell' operazione, in termini di enterprise value per il 100 per cento della società, è di 17 milioni di euro. Questa, a seguito dell' operazione, verrà consolidata da AC EA al 100 per cento, con un contributo all' EBITDA previsto, su base annua, di circa 1,8 milioni di euro. Il closing dell' accordo, atteso indicativamente entro la fine dell' anno, è subordinato all' approvazione da parte del Comune di Pescara.