AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Torna alla rassegna
12/07/2018 - Il Cittadino MB
Investimenti: Mediobanca "benedice" Acsm Agam

Il rischio che la guerra dei dazi tra Usa e Cina si inasprisca ovviamente esiste e le Borse ne pagano le amare conseguenze. Piazza Affari, positiva sia lunedì (0,49%) che martedì (0,11%), a metà settimana cambiava rotta: nel tardo pomeriggio di ieri l' indice principale segnava una perdita dell' 1,32%. Tra le società brianzole quotate solo Banco Desio stazionava in territorio positivo (0,92%). Per il resto, si muovevano in direzione opposta Esprinet (-3,05%), Basf (-2,39%) e STMicroelectronics (-2,35%). La prima ha annunciato di aver firmato un accordo con ITRack, azienda di Bassano del Grappa con oltre 40 anni di esperienza nella produzione di carpenteria per i settori dell' elettronica, elettrotecnica e delle telecomunicazioni. V-Valley, il distributore a valore aggiunto del Gruppo Esprinet, con la sua business unit specializzata nella distribuzione di Cabling & Energy Efficiency, porterà sul mercato il portafoglio completo di ITRack, soluzioni 100% made in Italy. Secondo il nuovo accordo, V-Valley offrirà tutti i prodotti ITRack, con particolare focus sulle soluzioni per le piccole e medie imprese, ai propri clienti rivenditori garantendo loro competenza e specializzazione anche grazie ad un servizio di supporto pre-vendita dedicato. «Il Gruppo Esprinet - commenta Luca Casini, direttore commerciale di V-Valley - continua il proprio percorso volto a rafforzare partnership e competenze in una delle aree, quella delle soluzioni dedicate al Cabling&Energy Efficiency, ritenute particolarmente strategiche». STMicrolectronics ha invece precisato che comunicherà i risultati del secondo trimestre mercoledì 25 luglio. Accusavano un calo anche Sol (-1,43%), Ei Towers (-1,14%), Nokia (-0,91%) e Acsm Agam (-0,41%). A2A e Lario Reti Holding hanno promosso, come annunciato, un' offerta pubblica di acquisto obbligatoria totalitaria sulle azioni di Acsm-Agam. L' offerta ha a oggetto complessivamente 26.264.879 azioni ordinarie, pari al 13,31% del capitale sociale dell' emittente. Ai sensi dell' accordo quadro, A2A acquisterà il 73,41% delle azioni portate in adesione all' offerta e LRH acquisterà il 26,59% delle azioni portate in adesione all' offerta. Mediobanca, intanto, ha riconosciuto come gli azionisti di Acsm-Agam siano stati premiati per i loro investimenti. L' istituto di credito milanese lo scrive nel comunicato ufficiale sul rapporto dedicato alle principali società partecipate dai maggiori enti locali fra il 2012 e il 2016, elaborato dall' Area Studi. Il documento evidenzia che «gli azionisti di Hera, Acea e Acsm Agam sono stati premiati per i loro investimenti. A partire dal 2012 il rendimento offerto dalle azioni è stato superiore rispetto a quello di investimenti alternativi in titoli di Stato italiani (più 2,3 punti per i dividendi incassati nel 2018)». L' apprezzamento del titolo si è confermato anche nel periodo successivo rispetto a quello oggetto di analisi del rapporto: come rimarcato dalla relazione di gestione sul 2017 pubblicata dall' azienda, infatti, il titolo ha fatto registrare una variazione positiva di oltre il 40% nel 2017. Il Gruppo è nato dalla fusione delle multiutility di Como e Monza avvenuta nel 2009; è stato al centro del processo di integrazione che, con efficacia 1° luglio, ha aggregato le utilities del Nord Lombardia, con A2A azionista di riferimento e partner industriale. Le utilities sono le società che forniscono beni e servizi essenziali per la collettività. La nuova società è nata dalle fusioni per incorporazione di A2A Idro4, Aevv, Aevv Energie, Aspem, Lario Reti Gas e Acel Service in Acsm Agam, e dalla scissione parziale di A2A Energia nella stessa Acsm Agam.

Sergio Gianni