AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
17/10/2020 - IL GIORNALE DI VICENZA
«Aim Energy, una firma pericolosa»

POLEMICA. Secondo il consigliere di Forza Italia non si possono compiere operazioni straordinarie nella fase di unione
Zocca: «L' intesa sul superbonus può mettere a rischio la fusione»
«Un atto straordinario. Un atto pericoloso a fronte di un percorso difficile. Un atto che, stante un progetto di fusione in corso con un protocollo ben definito, può rischiare di far venire meno anche l' accordo tra le due aziende». L' atto a cui si riferisce il consigliere di Forza Italia Marco Zocca è quell' intesa annunciata da Fausto Costenaro, amministratore unico di Aim Energy, per diventare partner di Confartigianato nell' ambito del superbonus. «Aim ha deciso di aiutare il proprio territorio diventando partner finanziario di Confartigianato - ha dichiarato l' amministratore qualche giorno fa durante la manifestazione "Citemos" - e proponendosi alla stregua di una banca: offriamo 10 milioni di euro l' anno per acquistare i crediti di imposta che le imprese faranno ai loro clienti committenti. Il nostro supporto sarà di natura finanziaria». Zocca, che chiede al sindaco se ne fosse a conoscenza, non ci sta. «Dal momento in cui viene depositato il progetto di fusione con Agsm, esiste un protocollo che dà mandato a tutti gli amministratori di astenersi da compiere atti che vadano fuori dall' ordinario. L' accordo siglato da Aim Energy è sicuramente straordinario e rappresenta quindi un atto irresponsabile che mette a rischio il risultato del progetto di fusione e gli accordi societari sottoscritti e votati dal consiglio comunale». «L' assemblea degli azionisti di Aim - ha replicato Rucco che in aula ha portato il parere dell' azienda - in data 10 marzo 2020 ha attribuito a Gianfranco Vivian i poteri di gestione ordinaria e straordinaria della società, autorizzandolo a sottoscrivere azioni finanziarie fino a 20 milioni. L' ipotesi di collaborazione con Confartigianato è ancora in fase di collaborazione». «A questo punto - rincara Zocca - utilizziamo questa disponibilità finanziaria a favore degli immobili comunali». © RIPRODUZIONE RISERVATA.

NI.NE.