AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
23/05/2020 - Il Resto del Carlino (ed. Bologna)
«Abbiamo rispettato tutte le disposizioni»

La replica dell' azienda: «Mantenuta una forza di diecimila persone per garantire i servizi»
Accuse respinte al mittente da parte di Hera. In relazione alla polemica, sollevata dai sindaci e dal coordinatore di Atersir Michele Giovannini, sulla sospensione dei servizi dei centri raccolta rifiuti e del ritiro ingombranti, Hera si difende sottolineando di aver agito dando attuazione alle disposizioni regionali e governative, in coerenza con le circolari dell' istituto superiore di sanità. La multiutility, inoltre, precisa che «le azioni intraprese per coniugare continuità dei pubblici servizi e sicurezza sanitaria per i lavoratori e i cittadini durante il periodo di emergenza Covid-19, sono state prese in sintonia con le delibere delle competenti autorità nazionali e locali, come Atersir. Era stata peraltro proprio la stessa Atersir a indicare la sospensione delle attività non essenziali, come la raccolta ingombranti, e a contatto con le utenze, come i Centri di Raccolta». Hera ha contenuto al massimo i casi di contagio per il proprio personale. «Il virus - spiega l' azienda - si è diffuso fra i nostri dipendenti con un livello dieci volte inferiore a quello mediamente riscontrato nella popolazione regionale; ciò ha permesso, tra l' altro, di mantenere sul territorio gestito una forza operativa di oltre 10mila persone e di garantire costantemente la piena continuità dei servizi essenziali». La multiutility rispedisce quindi al mittente le polemiche dei sindaci, insoddisfatti della gestione dei rifiuti durante l' emergenza: «A confermare il buon operato dell' azienda i numerosi apprezzamenti da parte di governatori, amministratori e cittadini per l' attività svolta e per la continuità del servizio garantita». Il dialogo con i Comuni è fondamentale: «Continueremo a mantenere aperto il confronto con le amministrazioni locali - conclude Hera -, nonché con il vertice e la struttura tecnica di Atersir, come con la Regione e la protezione civile, soggetti verso i quali non è mai venuto meno il rispetto del ruolo istituzionale». m. r. © RIPRODUZIONE RISERVATA.