AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
28/05/2020 - Il Mattino di Padova
Lo smart working funziona alla Etra «Grande produttività»

cittadella
Il presidente Levorato: «Potrà diventare una soluzione stabile in accordo con i sindacati. Un grazie ai collaboratori»
CITTADELLA. Oltre 400 lavoratrici e lavoratori in smart working, Etra punta sul lavoro agile anche nella fase 2. All' inizio del lockdown la multiutilities, con un lavoro di programmazione calibrato sulle varie mansioni della sua forza lavoro, ha attivato una piattaforma di "lavoro agile" per metà della popolazione lavorativa.«Si è trattato di un "esperimento" che ha comportato una grande disponibilità di adattamento del personale che ha in questo modo consentito di mettere in sicurezza i dipendenti stessi, i famigliari e anche i colleghi, pur mantenendo pressoché invariato il tasso di produttività dell' azienda», sottolinea il presidente Andrea Levorato.Per rendere possibile lo "spillover" digitale è stato necessario implementare velocemente le dotazioni informatiche: nell' arco di dieci giorni dal lockdown sono stati collocati 410 dipendenti in lavoro agile. Levorato guarda ai risultati a distanza di due mesi dall' avvio di questa iniziativa: «Abbiamo registrato dati sorprendenti sulla produttività dei nostri collaboratori, per questo voglio ringraziarli pubblicamente per la dedizione e l' impegno profuso in queste settimane. Sono convinto che lo "Smart-working" potrà diventare per Etra una soluzione stabile, venendo incontro a esigenze familiari e personali dei nostri collaboratori».Da un punto di vista sociale, «va evidenziato che la società non ha attivato l' istituto della cassa integrazione garantendo così il mantenimento in forza di tutta la popolazione lavorativa».L' innovazione determinata dall' emergenza passerà attraverso una concertazione con i sindacati: «Etra sta programmando le prossime settimane, mantenendo e implementando quello che può essere individuato come un vero e proprio modello da sviluppare, in collaborazione con le parti sindacali, e che potrebbe essere attuato sempre nel rispetto dei contratti, degli orari di lavoro e delle prerogative legate alle mansioni per le quali questo modello è stato messo a punto».Levorato conclude evidenziando come «Etra, società totalmente pubblica, abbia saputo reagire velocemente alla crisi in atto garantendo con il lavoro agile la continuità di tutti i servizi». --Silvia Bergamin© RIPRODUZIONE RISERVATA.