AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
09/10/2019 - Il Mattino di Padova
Hera-Ascopiave dal Comune arriva il via libera al maxi accordo

servizi
La giunta approva l' operazione che rafforzerà EstEnergy e porterà i clienti gas padovani al gruppo trevigiano
Un passaggio formale, forse anche scontato, ma decisivo. Il via libera arrivato ieri in giunta segna l' ok del Comune all' alleanza sull' energia tra Hera e Ascopiave. Un semaforo verde acceso alla luce del fatto che Palazzo Moroni detiene poco più del 3% di azioni Hera e in quanto parte in causa nel contratto di servizio di distribuzione del gas che vede in campo AcegasApsAmga (controllata al 100% da Hera). L' effetto diretto più evidente per i padovani è che da gennaio prossimo la distribuzione del gas, e i clienti, oggi gestiti da AcegasApsAmga passeranno alla trevigiana Ascopiave.La delibera approvata in giunta non necessita dell' ok del consiglio comunale in quanto, vista l' urgenza, risulta di «immediata eseguibilità» come si legge nel testo.Se, da un lato, Ascopiave si rafforza nella distribuzione del gas acquisendo 188.000 utenti in Veneto (tra cui quelli padovani) e Friuli Venezia Giulia, dall' altro EstEnergy (e con lei Padova) crescerà arrivando a detenere (tra Veneto, Friuli Venezia Giulia e Lombardia) 795.000 contratti gas e 265.000 contratti elettrici, superando così la soglia del milione di contratti. Il salto che ci sarà con la dote in arrivo da Ascopiave "peserà", dal punto di vista societario, su Padova che sarà baricentro operativo per il coordinamento e il controllo delle diverse realtà commerciali distribuite nei diversi territori.L' operazione, sottolinea il sindaco Sergio Giordani, «è stata analizzata e valutata con attenzione» prima di essere approvata. «EstEnergy oggi serve 250 milioni di clienti, con il nuovo assetto si porterà sopra il milione. Parliamo di una società che avrà la sua centralità a Padova e continuerà a essere basata qui». Padova, prosegue il sindaco, sarà un punto di «riferimento per il Veneto per la vendita di elettricità e gas in quanto attraverso EstEnergy o sue controllate, a parte Verona, sarà presente in tutte le province venete».L' operazione, come noto, dovrebbe essere finalizzata entro la fine dell' anno previo parere favorevole da parte dell' Antitrust. Altro aspetto che va sottolineato è che il nuovo soggetto che Ascopiave costituirà e che erediterà i clienti gas da AcegasApsAmga si è impegnato a mantenere i livelli occupazionali attuali per sei anni e «le condizioni economiche, gli inquadramenti e la sede di lavoro».Quanto al futuro e al ruolo di Padova, Giordani conclude: «Questa operazione è già stata ampiamente premiata dal mercato (solo nell' ultimo mese il titolo del gruppo bolognese ha guadagnato il 4,29% in Borsa, ndr) e in quanto azionisti di Hera non potrà che garantirci maggiori dividendi. Ulteriormente si apre un' interessante prospettiva di riflessione su una progettualità che interesserà tutto il Veneto». --M.MAR. BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.