AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
10/04/2020 - L'Arena
Lega, appello ad Agsm «Alleggerire le bollette»

I NODI. Il deputato dirigente e la consigliera di amministrazione Vanzo
Fontana: «Il Governo le sospenda fino a settembre» Le minoranze: «L' azienda aiuti chi è più in difficoltà»
Sospendere il pagamento delle bollette per energia elettrica, gas, acqua, fino a settembre, sull' intero territorio nazionale. E quanto ad Agsm, un appello all' azienda per venire incontro alle famiglie alleggerendo le bollette in questo particolare momento. È quanto chiede la Lega - in maggioranza in Comune, in Provincia e in Regione, ma all' opposizione del Governo Conte - anzitutto con il deputato, vicesegretario federale e commissario regionale veneto, Lorenzo Fontana.«Con la fiducia al Cura Italia il Governo ha voltato le spalle alle nostre proposte per alleggerire le bollette ai veronesi costretti in casa. La battaglia politica continua. Ripresenteremo proposte ad hoc alla Camera», dice Fontana. «È inaudito che ai provvedimenti restrittivi non abbiano immediatamente fatto seguito azioni per alleggerire i costi delle utenze». Così Fontana, dopo che il Governo ha posto la questione di fiducia, al Senato, sul Cura Italia. La Lega aveva presentato un emendamento specifico per la sospensione delle bollette fino a settembre, su tutto il territorio. «Siamo pronti a rilanciare la proposta alla Camera, ci aspettiamo il sostegno anche dei parlamentari degli altri schieramenti: sul sostegno a famiglie e imprese non possono e non devono esserci divisioni», dice Paolo Paternoster, deputato veronese della Lega.Intanto il consigliere di amministrazione di Agsm, Francesca Vanzo, in quota Lega, ha scritto al presidente del Gruppo Agsm Daniele Finocchiaro e al direttore Daniela Ambrosi per chiedere «di mettere in campo, con la massima urgenza, tutte le iniziative utili a sollevare le famiglie, in questa difficile fase, dai costi e, in particolare, dagli extra-costi dovuti alla permanenza in casa», dice.Su quest' ultimo tema si sono espressi anche i capigruppo in Comune Michele Bertucco (Verona e Sinistra in Comune) e Flavio Tosi. Ciò fin da quando Agsm - comunale, con in corso l' aggregazione con Aim Vicenza e A2A Milano e Brescia - ha divulgato i dati del bilancio consuntivo 2019: fatturato oltre il miliardo e utile netto di 29 milioni. Entrambi chiedevano di destinare l' avanzo di amministrazione di Agsm, di 20 milioni circa, per aiutare i veronesi in difficoltà. E, con gli altri capigruppo Marta Vanzetto (5 Stelle), Tommaso Ferrari (Verona civica), Patrizia Bisinella (Fare Verona) e Federico Benini (Pd), hanno pure chiesto all' Amministrazione in commissione bilancio - discutendo il previsionale 2020 - misure di sostegno ai cittadini. «Sospensione del pagamento delle fatture e delle bollette emesse dalle aziende del gruppo Agsm per le aziende e per i cittadini veronesi in difficoltà».

E.G.