AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
19/07/2019 - Il Piccolo (ed. Gorizia)
Il sindaco frena sulla riconversione a gas: «Al posto della centrale un' area portuale»

il futuro del sito a2a
Cisint: «Il Piano regolatore lì non prevede un polo energetico. Ma nessun braccio di ferro: quella non è casa nostra»
Giulio Garau Meglio una centrale elettrica alimentata a gas che a carbone, per Monfalcone si profila una svolta epocale anche prima del 2025 dopo l' annuncio di A2A che sta progettando un futuro a metano. Ma se fosse per il sindaco Anna Cisint il futuro di Monfalcone potrebbe essere benissimo anche senza alcuna centrale elettrica. «Non posso certo fare i conti in casa degli altri, abbiamo fatto un incontro con i vertici di A2A che sta portando avanti un' idea di massima di riconversione a gas della centrale - spiega - ma non è ancora un vero progetto. Noi non dobbiamo essere d' accordo o meno. Stiamo elaborando il nuovo Piano regolatore e quell' area secondo le indicazioni del Comune non prevede alcun polo energetico, ma aree dedicate alla portualità». Nessun braccio di ferro, rottura o contrapposizione al piano di riconversione di A2A. «Stiamo facendo un grosso lavoro sul territorio - aggiunge Cisint per valutare assieme a cittadini, sindacati, Regione, A2A, tutte le possibilità di sviluppo di Monfalcone. Stiamo pensando anche di appoggiarci a figure professionali di alto livello per disegnare il futuro della città. E assieme al territorio, stiamo sentendo tutti i soggetti, primo fra tutti l' Autorità di sistema portuale vista la destinazione e la strategicità di quell' area. Questo per capire se c' è un alternativa di più alto valore per la zona dove si trova la centrale. E di questo ne discuteremo con A2A, il padrone di casa. Non è detto che ce la facciamo, ma vogliamo tentare». Un futuro logistico e portuale secondo il Comune per quell' area che ha anche una banchina portuale che prolunga il porto e potrebbe diventare una parte dello scalo ad alto valore aggiunto. Questioni al centro di colloqui anche con lo stesso presidente dell' Autorità di sistema portuale, Zeno D' Agostino che proprio in queste settimane "rileverà" a pieno titolo la guida di Portorosega a fianco di quello di Trieste. Dalle prime indicazioni per la centrale elettrica l' azienda sta pensando a un impianto a turbogas alimentato a metano con la possibilità di integrare ulteriori opzioni innovative ed eco-sostenibili. Tutto questo affiancando anche un possibile sistema di accumulo di energia. Ma è bene chiarire che si tratta ancora di una fase molto vaga, di discussione. Un work in progress sul futuro della centrale da parte di A2A da cui oltre al nuovo indirizzo sul gas metano al posto del carbone, prima del termine del 2025, vi è solo la conferma che Monfalcone è considerata un polo energetico strategico su cui l' azienda intende investire. Da dove arriverà il gas? Non ci sono ancora indicazioni, quello che è certo è che non si pensa a un deposito costiero di gas, ma piuttosto a far arrivare il gas attraverso tubazioni e sono allo studio più strategie. Nelle vicinanze ci sono almeno due condotte di metano, una più vicina e una più lontana che è facile deviare verso l' impianto con relativi investimenti. Troppo presto per capire se ci sarà un fornitore unico o l' azienda attingerà sul mercato e se ciò sarà possibile (come accade a casa quando si cambia fornitore». Nessuna notizia nemmeno sulla potenza elettrica della centrale. L' unica cosa tecnica trapelata è che l' impianto a turbogas verrebbe realizzato in posizione più centrale rispetto agli attuali gruppi. Ed è probabile che venga eliminato il camino. Per finire la questione dell' occupazione. Una centrale a gas occupa molti meno dipendenti di una a carbone. Ma da quanto si sa A2A, che è un' azienda partecipata da molti Comuni e considera prioritari i temi sociali, non ha alcuna intenzione di ridurre i 120-130 lavoratori come anche l' indotto che continuerà i vari servizi (pulizie, sicurezza). E si parla di investimenti per non perdere posti di lavoro. - BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI.