AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
15/05/2019 - L'Arena
Incarichi e nomine, «inviti» in Procura

ENTI E DOCUMENTI. Dopo gli accessi della Guardia di Finanza in Agsm di gennaio il pm dispone una serie di audizioni
Sotto lente le consulenze affidate allo stesso legale e la nomina del direttore generale, scelto all' interno
In gennaio furono gli accessi della Guardia di Finanza nella sede di Agsm, in lungadige Galtarossa, a scandire l' inizio di accertamenti su affidamenti di incarichi sotto soglia e sulla scelta del direttore generale, scelta operata dal Cda sulla base di una selezione fatta da una società specializzata e caduta poi sull' allora procuratore speciale dell' ente poiché dei circa 40 curricula solo 3 erano stati estrapolati ma nessuno aveva ottenuto il voto favorevole del Cda.Abuso d' ufficio il reato ipotizzato dal pm titolare dell' indagine, la dottoressa Maria Beatrice Zanotti. E nelle prossime settimane saranno sentiti, con l' assistenza di un legale, coloro che, a vario titolo sono stati citati nell' esposto depositato in Procura dall' avvocato Luigi Bellazzi, esposto nel quale vengono palesate perplessità relative alla gestione della società che fornisce l' energia elettrica e il gas a Verona e presieduta fino a marzo da Michele Croce, poi sfiduciato dal Cda.Da una parte due incarichi fiduciari sotto soglia affidati al medesimo legale da Agsm capogruppo e da Agsm Consulting finiti sotto la lente della Procura. Se tale modalità di affidamento abbia valenza penale saranno le indagini a stabilirlo, giova comunque sottolineare che in sede amministrativa la questione non è pacifica: secondo l' orientamento del Consiglio di Stato non necessita di bandi o gare ad evidenza pubblica poiché viene ritenuto essenziale l' elemento della fiduciarietà mentre la Corte dei Conti non considera la scelta di un legale esterno come connotata da carattere fiduciario. Gli accertamenti della Finanza si riferiscono invece alla valutazione che fece il Cda sotto la presidenza Croce relativamente alle caratteristiche dei professionisti che avrebbero potuto ricoprire l' incarico di direttore generale. Nessuno rispondeva ai requisiti e la scelta cadde all' interno.

F.M.