AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
15/04/2019 - Il Sole 24 Ore
Nuovi incarichi, tempi stretti per le regole di nomina e revoca

POSIZIONI ORGANIZZATIVE
Dall' Anci il Quaderno operativo con le istruzioni e gli schemi di delibera Disciplina da approvare entro il 20 maggio dopo il confronto con i sindacati
Stringono i tempi per aggiornare le regole sulle nuove posizioni organizzative. Sul tema arrivano le istruzioni dell' Anci, con un nuovo Quaderno operativo pubblicato questa mattina. Il contratto nazionale del 21 maggio 2018 ha totalmente rivisto le modalità di affidamento degli incarichi e le regole per la graduazione delle aree. Lo strumento dell' Associazione porta con sé, quindi, molto interesse tenuto conto che le posizioni organizzative in essere verranno meno il 20 maggio prossimo. Nel documento si parte proprio da questa scadenza e viene da subito ricordato che il contratto ha previsto delle precise relazioni sindacali che devono partire al più presto. Per determinare i criteri di nomina e di revoca delle posizioni organizzative e quelli per la graduazione delle aree è infatti necessario avviare il confronto con i sindacati. La procedura prevede che vi sia un' informazione preventiva alle organizzazioni sindacali e che queste abbiano cinque giorni di tempo per avviare il confronto. Il tutto deve però chiudersi entro trenta giorni. Agenda alla mano, quindi, per essere pronti con tutto al 20 maggio gli enti devono accelerare i tempi inviando ai sindacati i criteri generali per la costruzione dei sistemi proprio in questi giorni. L' Anci ricorda poi che ci sono altri importanti passaggi da fare ai tavoli con le rappresentanze sindacali. In sede di contrattazione integrativa, ad esempio, saranno da contrattare i criteri per l' erogazione della retribuzione di risultato, mentre vengono ulteriormente precisate le dinamiche sulle risorse stanziate per l' istituto nel delicato rapporto con il fondo del trattamento accessorio. Infatti, se l' ente stanzia per le posizioni organizzative somme equivalenti a quelle del 2017 non ci sono problemi. Se però l' ente dovesse stanziare più somme, e queste comportano la riduzione del fondo per rispettare il tetto dell' anno 2016 previsto dall' articolo 23, comma 2 del Dlgs 75/2017, si deve per forza passare dalla contrattazione. Nel caso contrario, invece, cioè stanziando meno risorse per le posizioni organizzative, si creerebbe la possibilità di aumentare il fondo; azione che però deve transitare dal confronto. Gli enti senza la dirigenza hanno però beneficiato di un' ulteriore possibilità: scomputare dalle capacità assunzionali eventuali incrementi di valore degli importi dovuti al fatto che il valore massimo della retribuzione di posizione è salito con il nuovo contratto nazionale a 16mila euro. La soluzione è prevista all' articolo 11-bis del Dl 135/2018 e l' Anci si è impegnata di chiedere che la norma diventi applicabile anche negli enti con la dirigenza. Il documento dell' Associazione propone quindi due strumenti operativi. Da una parte si trova una bozza di deliberazione di Giunta per l' approvazione dei criteri e dall' altra un vero e proprio regolamento, ovviamente adattabile da parte di ciascun ente, che si suddivide in due ulteriori sotto sezioni: i criteri per la nomina e la revoca delle posizioni organizzative e quelli per la graduazione delle aree. Secondo l' Anci, è opportuno porre quest' ultima azione in capo a un soggetto terzo: il nucleo o l' organismo indipendente di valutazione. © RIPRODUZIONE RISERVATA.

Gianluca Bertagna