AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
22/10/2019 - Corriere del Trentino
Dolomiti energia, slitta la trattativa tra le parti

Apertura su straordinari, ferie e permessi. Uno degli scogli: i guardiani delle dighe
trento Doveva essere la giornata decisiva quella di ieri per i dipendenti del Gruppo Dolomiti Energia per l' atteso incontro tra sindacati di Cgil, Cisl e Uil e i vertici dell' azienda multiservizi diretta dal presidente Massimo D' Alessandri. Sul tavolo le questioni aperte per le quali i dipendenti avevano scioperato il 5 giugno scorso, per la prima volta contro l' azienda dal 2005. I sindacati si erano detti contrari alle disposizioni peggiorative di fruizione delle ferie (restringendo i tempi da 16 a 12 mesi entro il quale fruirne); al mancato riconoscimento dello straordinario in favore delle meno costose ore viaggio (un terzo rispetto allo straordinario); alla mancanza di un riconoscimento adeguato alla rimozione dello sconto in bolletta (l' 80% in meno tolto a febbraio). Dopo cinque ore di incontro, cominciato alle 14.30, le parti non sono però arrivate ad una convergenza, anche se ci sono state delle aperture da entrambe le posizioni, come spiegano i sindacati. «Siamo ancora in trattativa per gli accordi, ci sono ancora posizioni distanti su alcuni di essi - commenta Giuseppe Di Chiara, segretario di Uiltec del Trentino Alto Adige per il settore elettrico, gas acqua e ambientali - per ora come proposta c' è quella di arrivare ad un accordo entro il 31 dicembre: intanto servirà capire cosa fare incontrando i lavoratori nelle assemblee, un passaggio fondamentale». Dopo uno stato di agitazione aperto il 15 marzo scorso e il successivo sciopero del 5 giugno, nei mesi scorsi si era avviato un tentativo di dialogo con il Gruppo Dolomiti Energia e i sindacati, impegnati «in un difficilissimo percorso iniziato il 5 luglio», ricorda Di Chiara. Ieri si aspettavano di chiudere. Invece, il rinvio. Qualche apertura c' è stata sui punti nevralgici, dai permessi e ferie, agli straordinari e ore viaggio, così come sullo sconto sulla bolletta dei dipendenti, anche se restano da discutere con i dipendenti se approvare o meno le controproposte dell' azienda. Un punto nodale, uno scoglio, sul quale invece le parti si sarebbero incagliate ieri pomeriggio sarebbe quello sulla guardiania di Hydro Dolomiti Energia: sui venti guardiani delle dighe trentine (tra quelli già attivi e da assumere). Sul tavolo la proposta dell' azienda con l' abbassamento della indennità economica oppure della esternalizzazione del servizio. Due punti sui quali però non si trovano d' accordo i tre sindacati. Ora il passaggio con i lavoratori.

M. Z.