ATTI e PUBBLICAZIONI

ATTI DELL'EVENTO

Torna alla lista
08/01/2021
Webinar: Linee guida per l’affidamento del servizio di gestione degli indumenti usati

Il nuovo Piano d’azione europeo sull’economia circolare inserisce i tessili tra gli ambiti di prioritario interesse, tanto da farne oggetto, come per la plastica, di una vera e propria «strategia». Contestualmente, dal 1° gennaio 2025 scatterà in tutta Europa l’obbligo di raccolta differenziata dei rifiuti tessili, scadenza che in Italia è stata anticipata al 1° gennaio 2022.
A livello nazionale la filiera dei rifiuti costituiti da prodotti e accessori di abbigliamento, oggetto della raccolta differenziata dei cittadini, unisce a risvolti ambientali una storica connotazione sociale, ma anche specifiche criticità e crescenti problemi reputazionali.
L’evoluzione normativa e le nuove sfide obbligano i soggetti della filiera a strutturarsi e rispondere a nuove esigenze. In questo contesto, le stazioni appaltanti (prevalentemente aziende di igiene urbana) possono svolgere un importante ruolo di promozione dell’efficienza, della trasparenza e della sostenibilità ambientale e sociale dei servizi.
Per questo Utilitalia ha voluto fornire alle proprie associate informazioni utili sugli strumenti a loro disposizione per selezionare operatori onesti, efficienti e trasparenti, promuovere una più ampia tracciabilità della filiera, ampliare e qualificare il livello della concorrenza spostandola dal mero piano economico a quello della capacità tecnica, della tutela ambientale e della responsabilità sociale.


Clicca per la foto precedente Clicca per la foto successiva