News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
31/05/2021 00.00 - Quotidiano Energia
Tari, tagli per Caserta e Firenze. A Milano slitta il pagamento

 

La città campana aderisce all’iniziativa Remunero. Il capoluogo toscano pensa a sgravi per le imprese, mentre quello lombardo interviene anche su vecchie annualità

 

Ai cittadini e alle imprese del territorio di Caserta sarà restituito il 100% della Tari. Ad annunciarlo è l’Amministrazione comunale in base a quanto previsto da un protocollo d’intesa con la startup Remunero che sarà sottoscritto il 3 giugno. 

Remunero, in particolare, porta vanti progetti di sviluppo economico per il miglioramento della qualità ambientale e di economia circolare, puntando proprio alla restituzione della Tari a famiglie e imprese nei Comuni che si adeguano ai parametri indicati dall'Ue per ridurre la produzione di rifiuti e le emissioni di CO2. 

Iniziativa simile a Firenze dove è stata annunciato il progetto “tasse zero”. In particolare, spiega il sindaco Dario Nardella, dal 2022 al 2025 si punta a cancellare Imu, Tari, Cosap e Cimp per tutte le nuove imprese che investono per la prima volta in città, assumendo almeno dieci nuovi dipendenti. Si tratta di "una misura che determineremo, approfondendola, nelle prossime settimane confrontandoci con gli attori locali”. 

La Giunta comunale di Milano, infine, ha disposto il differimento dei termini di pagamento della Tari per l'annualità in corso e alcune rateizzazioni per le annualità precedenti. “La decisione – si legge sul sito web dell’ente - fa seguito alla volontà espressa dal Consiglio comunale nel proseguire il percorso di sostegno e ristoro avviato nel corso dell’emergenza pandemica”.