News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
13/07/2021 00.00 - Quotidiano Energia
Prelievi idrici, un “semaforo” per i fiumi dell’Emilia-Romagna

Il sistema di mappe online per la salvaguardia della risorsa. Indicazioni della Giunta regionale sull’irrigazione di soccorso
L’assessore all’Ambiente dell’Emilia-Romagna, Irene Priolo, è intervenuta ieri nel corso di un tavolo con gli stakeholder locali per descrivere il nuovo sistema regionale "a semaforo" sui prelievi da fiumi e torrenti.
In particolare, dal 12 luglio al 30 ottobre sarà attiva sul sito web Arpae una mappa aggiornata due volte la settimana dove, “attraverso tre colori, si individuano immediatamente le possibilità di prelievo in ciascuna zona del territorio. Sono rosse le aree dove sarà in vigore il divieto, verdi quelle libere da vincoli, gialli gli ambiti in bilico dove si focalizza l’attenzione per la tutela del deflusso minimo vitale”.
Il nuovo metodo “sostituisce la precedente modalità statica basata su ordinanze provinciali applicate per l’intera stagione più secca. L’obiettivo è dare un’informazione chiara, trasparente e immediata sullo stato idrologico dei corsi d’acqua a cittadini, imprenditori agricoli e gestori della risorsa idrica”, secondo l’assessore. Si punta così “a un uso migliore dell’acqua a disposizione: il meccanismo a semaforo è infatti dinamico, puntuale e flessibile perché costantemente aggiornato e tiene conto delle variazioni di portata per tutto il periodo estivo”. Infine, “la Regione è aperta al confronto con tutti gli stakeholder per migliorare ulteriormente” questo meccanismo.
Sempre ieri la Giunta ha approvato anche le modalità per la richiesta di deroga al blocco dei prelievi e per assicurare l’irrigazione di soccorso qualora sia fondamentale per salvaguardare la raccolta delle colture.