News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
13/01/2021 16.58 - RADIOCOR
Hera: Tommasi, cresciamo su reti e ambiente, serve ancora consolidamento

Il presidente: superare la frammentazione dei settori(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 13 gen - 'In un anno particolare e pieno di incertezze abbiamo chiuso il bilancio sopra le stime, a conferma della sensazione complessiva di solidita' dell'azienda e della soddisfacente gestione di un esercizio complicato'. E' quanto dichiara il presidente esecutivo di Hera, Tomaso Tommasi di Vignano, in un colloquio con Radiocor, a commento del nuovo business plan e dei dati preliminari 2020. Rimarca il manager: 'Era difficile fare solo delle previsioni ma noi le abbiamo battute. Anche nella costruzione del nuovo piano, improntato alla crescita degli investimenti e all'impegno sull'M&A, il 2021 si presenta gravido di incertezze in generale ma abbiamo mantenuto il nostro percorso di investimenti e di crescita, e la nostra capacita' di dare soddisfazione agli investitori, cosa che non e' mancata neppure nel 2020'. Cioe' tenendo ferma una 'costante e ininterrotta creazione di valore per gli azionisti, con una policy dei dividendi trasparente e in costante crescita con un incremento di 0,5 centesimi per azione ogni anno'.

Il business plan, spiega Tommasi, 'privilegia il mondo delle reti, di cui vogliamo accrescere la resilienza con interventi importanti, e quello dell'ambiente, in cui vogliamo mettere in campo importanti azioni di revamping di alcuni asset con l'aggiunta di nuovi impianti nel mondo della biodigestione'.

Crescita anche sul settore energy, cioe' clienti finali di elettricita' e gas: 'Gli effetti dell'operazione con Ascopiave, in parte verificati gia' nel 2020, continueranno a produrre efficienze e risultati anche nei prossimi anni. - fa notare il manager - Questa partnership ci sta dando soddisfazione, anche per il 2021 rimane un fattore di crescita'.

Infine un cenno all'M&A, dove Hera prevede alcune operazioni su arco piano, di cui 'due abbastanza prossime', anticipa Tommasi, che precisa come i target sono nel mondo di ambiente e clienti. 'La ricerca del fattore scala e' cruciale e la frammentazione di vari settori delle multiutility andrebbe ridotta parallelamente al numero degli attori, ma un conto e' fare un'operazione di consolidamento con una controparte privata e un conto farla con un interlocutore pubblico, cosa certamente piu' complessa'.

Che