News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
03/05/2021 00.00 - Radiocor
Ue: Gentiloni, si torna a crescere, ripresa forte anche in Italia

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Milano, 03 mag - La  ripresa economica "e' in atto e sara' particolarmente forte  nella seconda meta' dell'anno. Si torna a crescere", ma la  sfida "sara' la qualita' di questa crescita, se sara'  sostenibile e duratura". Lo ha detto il commissario Ue agli  Affari economici Paolo Gentiloni in un'intervista a Il  Messaggero, sottolineando che "la reazione molto veloce e forte delle istituzioni Ue e di conseguenza dei singoli Paesi, ha attutito le conseguenze di un 2020 drammatico per l'economia reale". Nelle previsioni d'inverno la Commissione aveva parlato di una crescita del 3,8% per quest'anno e il prossimo e le prossime stime "potrebbero essere anche

migliori" e "per la prima volta includeranno l'impatto dei piani di Recovery", quindi "a contare non sara' tanto la velocita' quanto il rispetto degli obiettivi e dei tempi previsti nel piano". Per quanto riguarda l'Italia, "Potrebbe

avere un buon livello e godere in particolare di una ripresa forte, pero' il tasso di crescita e' importante" e "a tutto cio' deve corrispondere un'economia piu' verde e una crescita che non sia solo una fiammata dopo la caduta". Secondo Gentiloni, "e' importante essere consapevoli del fatto che l'Italia ha messo sul tavolo tutte le carte disponibili. Si gioca, potremmo dire, l'intera posta, come cercando una spinta storica per uscire uscire da oltre vent'anni di bassa crescita e altro debito. E' una scelta giusta e impegnativa". Tuttavia, deve essere scongiurato il rischio di non realizzare una delle riforme previste dal piano nei tempi e nei modi previsti: "Una volta approvato il piano, tra due-tre mesi in media, ci sara' un primo finanziamento del 13% e poi via via ulteriori finanziamenti che arriveranno un paio di volte l'anno: per un Paese come l'Italia parliamo di tranche di una ventina di miliardi circa. Ebbene, sono legate al raggiungimento di obiettivi previsti nei tempi previsti e se non vengono realizzate in modo sostanziale e se i tempi vengono disattesi in modo sostanziale le tranche non arrivano", ha detto Gentiloni, spiegando che "non sara' una decisione discrezionale". La Commissione dovra' reperire sui mercati questa mole di denaro, ma secondo il Commissario Ue "sara' un successo".