News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
01/03/2021 12.28 - PUBLIC POLICY
++ AMBIENTE&ENERGIA // POLICY REPORT ++-6-

(Public Policy) - Roma, 01 mar - Parte quel percorso di costruzione che vede il Governo intero impegnato nella realizzazione di questa nuova visione", ha commnetato il neo ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani: Tutte le politiche afferenti a questo obiettivo primario faranno riferimento al Mite: quella energetica, delle emissioni, lo sviluppo sostenibile, la mobilità green, le politiche di contrasto ai cambiamenti climatici. Senza dimenticare la mission storica del ministero: la valorizzazione dellambiente, del territorio e dellecosistema, la conservazione delle aree naturali protette e della biodiversità, leconomia circolare, le bonifiche, la difesa del territorio e la lotta ai danni ambientali. È una sfida imponente, e tutto il Governo è impegnato a lavorare per portarla a termine. Abbiamo davanti a noi poco tempo per vincerla, ce lo dicono i dati scientifici sui cambiamenti climatici. Infine - ha concluso il ministro - voglio porre laccento sul nuovo acronimo del Ministero: Mite. La mitezza è la virtù perduta che va recuperata e che indica il modo in cui intendiamo operare: puntare sulla forza degli argomenti e sulla consapevolezza della sfida ambientale e sociale, confrontandosi con grande apertura, avendo a cuore le future generazioni.

Cingolani ha scritto al presidente del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi, chiedendo che il giudice Claudio Contessa, presidente di sezione presso il Consiglio di Stato, possa ricoprire il ruolo di capo dellufficio legislativo del costituendo ministero della Transizione ecologica. Si avvicinano intanto le date della Conferenza preparatoria, il primo degli appuntamenti pubblici dedicati al processo di revisione triennale della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile. Il 3 e 4 marzo, ha spiegato il ministero, "saranno due giornate dedicate al confronto, allapprofondimento e alla discussione delle sfide prioritarie da affrontare per un 'Rilancio sostenibile' dellItalia. Levento, articolato in due giornate e tre sessioni tematiche, sarà infatti loccasione per discutere delle proposte emerse dal coinvolgimento della società civile e degli attori non statali, condividere le esperienze portate avanti a livello territoriale e rilanciare le politiche per lo sviluppo sostenibile in Italia. Obiettivo: favorire un momento di dialogo e confronto sul tema della sostenibilità allinterno delle istituzioni e tra istituzioni e società civile, con particolare riferimento al Forum per lo sviluppo Sostenibile, ai giovani e alle imprese". (Public Policy)

@PPolicy_News

GIL

011227 mar 2021