News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
01/10/2021 00.00 - Radiocor
Ue: nel post Covid Recovery Fund e bilancio 2021-2027 doppia leva per la crescita

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Bruxelles, 01 ott - Coesione sociale e politica economica nell'era post Covid non sono separabili e la ragione e' ampiamente condivisa: se e' vero che la ripresa dell'economia in Europa - Italia compresa - e' piu' rapida, piu' intensa e piu' diffusa di quanto si ritenesse all'inizio dell'estate, e' altrettanto diffuso il timore che le cicatrici della crisi resteranno a lungo. In qualche caso, alcune ferite impiegheranno molto tempo prima di rimarginarsi (per esempio l'estensione del lavoro precario che significa redditi precari e bassi). In Europa, indica l'Ocse, la ripresa 'resta molto ineguale tra i diversi Paesi, settori e gruppi demografici sia in termini di livello di prodotto sia in termini di occupazione'. Nel continente il tasso di occupazione e' stato largamente preservato, ma prodotto e ore lavorate non sono tornati ancora ai livelli pre crisi. Nell'Eurozona il Pil tornera' ai livelli di fine 2019 entro quest'anno. Secondo la Bce prima della fine dell'anno. In Italia, secondo le stime Ocse di settembre, rispetto ad altre grandi economie 'la ripresa continuera' a ritardare con un recupero dei livelli di fine 2019 solo nel primo semestre 2022'. Tuttavia le attese sui tempi di recupero stanno migliorando. Ci si trova in pieno passaggio dal rimbalzo dopo lo choc all'avvio di una fase di crescita piu' solida e l'incertezza - a parte quella derivante dalla gestione del Covid - riguarda quanto sara' solida e quanto tempo durera'. Se sara' messa in discussione a breve dalle strozzature negli approvvigionamenti di prodotti intermedi e materie prime, non solo 'terre rare', e piu' avanti dal ritiro delle misure non convenzionali di politica monetaria per contrastare un aumento dei prezzi piu' forte e duraturo di quanto atteso attualmente, se sara' il caso, e dall'inizio della riduzione del debito pubblico.