News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
20/09/2021 00.00 - Mondo Utilities
Ad AcegasApsAmga la gara gas dell’ATEM Udine 2

 

La multiutility, controllata al 100% dal Gruppo Hera, ha vinto con un’offerta orientata alla sostenibilità e alla creazione di valore. Nei prossimi mesi sarà sottoscritto il contratto di 12 anni con il Comune di Udine, quale stazione appaltante

 

Il Comune di Udine, in veste di stazione appaltante, ha aggiudicato ufficialmente ad AcegasApsAmga, società controllata al 100% dal Gruppo Hera, la gara per la gestione del servizio di distribuzione del gas naturale nell’Ambito Territoriale Minimo (ATEM) Udine 2.

 

I numeri della gara vinta da AcegasApsAmga

L’Ambito Udine 2 comprende 18 comuni (fra cui il Capoluogo) e oltre 90 mila utenze, distribuite lungo una rete di oltre 1.200 km.

Grazie all’aggiudicazione al Gruppo Hera della gara, una delle prime bandite in Italia, la nuova distribuzione gas a Udine sarà all’insegna della sostenibilità e della transizione energetica e AcegasApsAmga, già gestore uscente in 13 dei 18 comuni, avrà la titolarità del servizio per i prossimi 12 anni.

Il contratto, che sarà firmato nei prossimi mesi fra la multiutility e il Comune di Udine, ha un valore di circa 115 milioni di euro.

 

Una competizione che genera valore condiviso per le comunità

AcegasApsAmga per conseguire il mantenimento della gestione del servizio, in un contesto competitivo aperto ai più qualificati operatori nella distribuzione gas, ha elaborato una proposta in grado di conciliare l’efficienza di gestione, dunque l’impatto economico, con lo stato dell’arte per quanto attiene gli standard di sicurezza, le soluzioni di asset management e gli aspetti ambientali.

Tale proposta, supportata dal know-how del Gruppo Hera, si è tradotta in una gestione capace di apportare valore condiviso alle comunità in termini di qualità del servizio, protezione da eventi avversi, benefici economici e vantaggi ambientali.

 

80 milioni di investimenti per aumentare sicurezza e resilienza

Il progetto di AcegasApsAmga prevede che una parte consistente dei circa 80 milioni di euro previsti per investimenti nella distribuzione gas sul territorio nei prossimi 12 anni saranno impiegati per prevenire guasti, potenziare la rete e aumentarne ulteriormente l’affidabilità e la resilienza, garantendo così al meglio la continuità del servizio. In caso di interruzione dell’alimentazione da una direzione, ad esempio, una rete opportunamente magliata potrà essere controalimentata da altre condotte.

All’interno del pacchetto investimenti è prevista anche la sostituzione degli attuali contatori gas con i cosiddetti Nexmeter, misuratori di ultima generazione ingegnerizzati e sviluppati dal Gruppo Hera, dotati di funzioni

 

all’avanguardia che garantiscono elevati standard di sicurezza anche in situazioni di emergenza, quali gli eventi sismici.

Saranno inoltre mantenuti tutti i livelli di servizio garantiti sino ad ora, che già superano significativamente gli standard dell’Autorità di Regolazione ARERA. Fra questi, il tempo di arrivo medio del Pronto Intervento entro i 60 minuti dalla chiamata nel 99% dei casi, così come i 5 giorni come tempo massimo per l’esecuzione dei lavori più semplici sulla rete. Oppure l’impegno ad assicurare il 100% di reti gas ispezionate ogni anno per rilevare eventuali dispersioni. Da tempo, infatti, le logiche d’investimento di AcegasApsAmga sono passate dall’approccio emergenziale (interventi a seguito di guasti rilevanti) a quello predittivo (interventi pianificati in base alle fragilità potenziali rilevate in rete).

Proprio su questi interventi si potranno cogliere le opportunità offerte dalla nuova gestione d’ambito (ATEM Udine 2), superando i confini territoriali tradizionalmente legati alle gestioni comunali.

 

“Ritengo - è il commento del Sindaco di Udine Pietro Fontanini - che, cercando di far convergere i temi della sicurezza, della qualità del servizio e della sostenibilità ambientale, creando così un valore aggiunto per tutta la comunità di riferimento, AcegasApsAmga stia definendo una nuova strategia nella distribuzione del gas e, allo stesso tempo, lo standard a cui tutti gli operatori dovranno attenersi nel prossimo futuro. Come Sindaco di Udine non posso che essere soddisfatto per questa aggiudicazione che diventa ancora più significativa se letta nell’ambito complessivo degli sforzi che la nostra città sta facendo nella direzione del rispetto dell’ambiente”.

 

Il Presidente Tommasi: “dalla competizione nei servizi pubblici valore condiviso per il territorio”

“Siamo particolarmente soddisfatti della vittoria nella gara gas nell’ATEM Udine 2”, spiega Tomaso Tommasi di Vignano, Presidente Esecutivo del Gruppo Hera e Presidente di AcegasApsAmga. “La proposta di AcegasApsAmga ha messo a disposizione del territorio il meglio del know-how del Gruppo Hera non solo in termini di sicurezza e gestione del servizio, ma anche di sostenibilità ambientale, che sarà uno dei punti qualificanti della nuova gestione. Si tratta di una sfida, quella delle gare, che il Gruppo Hera si è da tempo attrezzato per affrontare, non solo in ambito distribuzione energetica, e questo traguardo dimostra ancora una volta come per noi, oltre alla qualità e continuità dei servizi, sia importante investire e generare ricadute positive per i territori in cui operiamo”.

 

L’Amministratore Delegato Gasparetto: “preservati posti di lavoro e professionalità locali”

“Lo spirito con cui sottoscriveremo il nuovo contratto della distribuzione gas nell’udinese, non sarà quello di chi proseguirà semplicemente nella gestione di un servizio”, afferma Roberto Gasparetto, Amministratore Delegato di AcegasApsAmga. “Sarà piuttosto quello di chi si appresta a un nuovo inizio, con la volontà di aggiungere nuovo valore a Udine e ai comuni adiacenti. In questo senso, sentiamo anche di avere tenuto fede a uno dei razionali industriali che portarono, nel 2014, all’aggregazione di Amga nell’allora AcegasAps e dunque nel Gruppo Hera: mantenere sul territorio la gestione della distribuzione gas, preservando posti di lavoro e professionalità locali”.