News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
13/10/2021 00.00 - Quotidiano Energia
Puglia, entro fine anno il piano rifiuti urbani

“Entro la fine di quest’anno i pugliesi avranno il loro Piano di gestione dei rifiuti urbani in cui abbiamo provato a coniugare rispetto dell’ambiente e sviluppo economico senza alcun compromesso, nella consapevolezza che gli attori coinvolti e utili al raggiungimento degli obiettivi sono tanti: la Regione con le sue agenzie, gli enti locali, i cittadini, le imprese. Se solo uno di questi soggetti dovesse venir meno rischieremmo di non centrare pienamente i target e questo, dopo tanti anni di attesa e dopo il conto che la terra ci sta chiedendo di pagare, non ce lo possiamo proprio permettere”.

 

l’Assessore all’Ambiente della Puglia, Anna Grazia Maraschio, commenta così la chiusura dei lavori presso il suo assessorato sulla redazione del Piano rifiuti urbani. Il testo è “alle rifiniture”, si legge in una nota, e sarà a breve inviato in Consiglio regionale.

 

“L’economia circolare è stato il faro che ha illuminato gli indirizzi di declinazione del Piano: prevenzione della produzione di rifiuti, miglioramento della qualità delle raccolte differenziate, apertura all’utilizzo del sistema di tariffazione puntuale”, si legge sul sito web della Regione. “Sul lato impiantistico, per la chiusura del ciclo, si pongono le basi per un’affermazione della centralità della gestione pubblica”.

 

Per l’indifferenziato, inoltre, “non verrà più consentito ulteriore consumo di suolo e le aree già compromesse dovranno essere compensate da politiche ambientali di sostegno dedicate”. Sul compostaggio, invece, “verrà data libertà ai territori di assecondare tecnologie e modalità di condivisione secondo le caratteristiche geomorfologiche dei propri luoghi e le inclinazioni sociali delle popolazioni”.

 

Lunedì, invece, la Giunta regionale ha approvato una delibera che destina 9,4 milioni di euro alla realizzazione di nuovi centri comunali per la raccolta differenziata di rifiuti.

 

“Grazie all’erogazione di questi fondi – spiegano in un comunicato il presidente Michele Emiliano e l’assessore Maraschio – sarà possibile realizzare, ampliare o adeguare circa 25 centri comunali di raccolta differenziata di rifiuti”, che si aggiungono a 74 nuovi siti di questo tipo già precedentemente finanziati per 25 mln di euro.

 

“Si tratta di un provvedimento importante sia per quanto riguarda il rafforzamento del nostro ciclo regionale di raccolta sia nell’ottica della lotta al reato di smaltimento illecito. Parte del fenomeno, infatti, è generato non solo dall’evasione della Tari o dalla mancanza di educazione civica ma anche dalla difficoltà che alcuni utenti possono riscontrare nel conferire adeguatamente determinate tipologia di rifiuti”.