News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
04/01/2021 00.00 - Quotidiano Energia
Bonus sociale automatico, così la transizione al nuovo sistema
L’Arera detta le disposizioni per le domande arrivate fino al 31 dicembre.
L’Arera detta le disposizioni per la transizione al nuovo sistema di riconoscimento automatico del bonus elettrico, gas e idrico a partire dal 1°gennaio 2021, in attuazione del DL 124/19. Più in particolare, la determina 11/Dacu/2020 fornisce indicazioni agli operatori “al fine di garantire la continuità di gestione del bonus sociali per disagio economico correlati a domande ammesse nel sistema SGAte fino al 31 dicembre 2020 incluso, disciplinandone le relative modalità di erogazione anche con l’obiettivo di evitare che interferiscano con l’ordinato avvio del nuovo meccanismo di riconoscimento automatico”.
La determina disciplina le modalità di gestione delle diverse casistiche e fattispecie correlate alle domande di ammissione ai bonus sociali per disagio economico ammesse nel sistema SGAte sino al 31 dicembre 2020 incluso (es.: riesami, rettifiche, revoche, ri-emissioni di bonifici domiciliati, ecc.), nonché la progressiva dismissione delle funzionalità del sistema SGAte correlate alla gestione dei bonus sociali per disagio economico, “ferma restando l’esigenza di mantenere inalterate tutte le funzionalità del medesimo sistema SGAte per la gestione del bonus sociale elettrico per disagio fisico”.
Nello specifico, l’Autorità blocca dal 1° gennaio 2021 l’ingresso nel sistema SGAte delle domande di bonus sociale elettrico, gas e/o idrico per disagio economico, delle domande di rinnovo dei bonus sociali di disagio economico, delle domande di variazione della localizzazione della fornitura, delle domande di riemissione dei bonifici domiciliati (anche mortis causa).
Dal 1° gennaio viene inoltre bloccato il processo gestito dal sistema SGAte funzionale all’invio delle missive ai clienti domestici in condizioni di disagio economico, salvo per l’invio per quelle funzionali al ritiro da parte degli aventi diritto dei bonifici domiciliati relativi a domande di bonus ammesse nel sistema SGAte negli ultimi due mesi del 2020, fino all’invio dell’ultimo blocco entro il 15 aprile 2020.
Alle imprese di distribuzione di energia elettrica/gas e ai gestori del servizio idrico integrato è consentita la restituzione d’esito al sistema SGAte per le domande ammesse al sistema negli ultimi due mesi del 2020, da effettuarsi entro il 28 febbraio 2021. Entro il medesimo termine sarà possibile inserire nel sistema SGAte le eventuali rettifiche d’esito relative alle domande analizzate nel corso del 2020.
L’Arera stabilisce poi di mantenere aperto il canale di presa in carico da parte delle imprese di distribuzione e dei gestori del servizio idrico integrato delle domande ammesse nel sistema SGAte nel corso del 2020 ed oggetto di successivo/a riesame o revoca entro e non oltre il 30 novembre 2021, al fine di consentire, rispettivamente, il riconoscimento del/dei bonus agli aventi diritto o la cessazione dell’erogazione della compensazione nei casi di perdita dei requisiti di ammissione. Per tali fattispecie non è prevista la restituzione di esito al sistema SGAte.
Per i bonus sociali per disagio economico afferenti domande ammesse nel sistema SGAte fino al 31 dicembre 2020 e relative a forniture elettriche, a forniture di gas naturale e/o idriche a clienti domestici/utenti diretti, l’erogazione della quota parte di bonus residua a copertura del 12 mesi di durata della compensazione potrà avvenire in base ad una delle seguenti modalità, garantendo in ogni caso la tracciabilità e l’identificazione del soggetto beneficiario dell’agevolazione: secondo le modalità e le tempistiche previste dal Tibeg e dal Tibsi; frazionando l’importo spettante in quote omogenee nelle fatture emesse da gennaio a giugno 2021; nei casi in cui il periodo di agevolazione superi il mese di giugno 2021, erogando comunque l’ultima quota spettante in un’unica soluzione, nella prima fattura utile successiva al 30 giugno 2021; con un contributo una tantum erogato attraverso assegno, bonifico bancario o postale o altra modalità indiretta entro il 30 giugno 2021.
Per i bonus sociali idrici afferenti a utenti indiretti e a domande ammesse nel sistema SGAte fino al 31 dicembre 2020, i gestori siano tenuti all’erogazione in base a quanto disposto dall’articolo 5, comma 5.1, lettera b) e dall’articolo 6 del Tibsi. Per i bonus sociali gas SGAte metterà a disposizione della Csea e a Poste Italiane le informazioni necessarie affinché l’erogazione prosegua con le ordinarie modalità di messa in pagamento attraverso il bonifico domiciliato.