News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
05/05/2021 16.45 - Adnkronos
PoliMi e Ohb Italia: "Pronti a produrre acqua sulla Luna"

Roma, 5 mag. (Adnkronos) - È oggi possibile produrre acqua sulla superficie della Luna grazie ad un processo chimico-fisico che permette di estrarre l’ossigeno dalla regolite, la sabbia lunare. Gli esperimenti sono stati condotti dal Politecnico di Milano e da Ohb Italia, Prime Contractor, nell’ambito della missione dimostrativa Isru (In-Situ Resource Utilisation), un progetto di e finanziato da Esa, Agenzia Spaziale Europea e con l’importante contributo di Asi, Agenzia Spaziale Italiana. Si tratta di un programma a lungo termine di colonizzazione umana della Luna e prevede l’utilizzo in loco delle risorse lunari.

Il gruppo di ricerca, guidato dalla professoressa Michèle Lavagna, ha utilizzato un impianto prototipale realizzato ed installato presso i laboratori del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Aerospaziali del Politecnico, grazie alle differenti competenze presenti in Ateneo e alle capacità sistemistiche di Ohb Italia. I ricercatori spiegano che "alimentando l’impianto con sabbia simulante il suolo lunare polare, si è riuscito a produrre il quantitativo di acqua atteso, estraendo ossigeno dagli ossidi presenti nei minerali che compongono il terreno del nostro satellite". Il sottile strato di sabbia polverosa che ricopre la Luna, in effetti contiene minerali che si trovano anche sulla Terra consentendo l’impiego di processi di trasformazione chimica noti nelle applicazioni industriali terrestri.

La capacità di produrre acqua in loco, e quindi ossigeno e idrogeno, rappresenta un passaggio chiave per le prossime missioni umane sul nostro satellite, in quanto si tratta di elementi fondamentali per il supporto alla vita di un equipaggio per periodi prolungati; tale capacità produttiva, inoltre, svincola le future basi lunari dall’uso di sistemi a ciclo aperto che richiedono continuo rifornimento da Terra, semplificando la logistica e riducendo i costi relativi al trasporto di materiali.