News

ARCHIVIO NEWS

Torna all'elenco
29/03/2021 00.00 - Quotidiano Energia
Camera, interrogazione sulla depurazione in Puglia
L’atto del M5S sugli agglomerati di Porto Cesareo e Nardò in provincia di Lecce
Verificare l’adeguatezza tecnica e finanziaria delle opere completate e di quelle ancora da eseguire per l’uscita dell’agglomerato di Porto Cesareo (Lecce) dalla procedura di infrazione in materia fognaria e in riferimento alla realizzazione di una limitrofa condotta sottomarina per gli scarichi da depurazione a Nardò. È quanto si chiede in un’interrogazione depositata alla Camera dal M5S (prima firmataria Maria Soave Alemanno) e rivolta al presidente del Consiglio dei ministri e ai ministri per Transizione ecologica ed Economia. “Secondo la deliberazione di giunta regionale n. 240 del 22 febbraio 2011 – si legge nell’atto, disponibile in allegato - la regione Puglia ha disposto la realizzazione della condotta sottomarina di Nardò. Data la sua importanza, in quanto recapito finale indispensabile per la messa in esercizio dell'impianto di depurazione a servizio degli agglomerati urbani di Nardò e Porto Cesareo, la realizzazione della condotta risulta già finanziata a valere sulle risorse del Pos Fesr 2007/2013 ma non è mai stata effettivamente realizzata”.