AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
23/02/2021 - LA STAMPA (ED. ALESSANDRIA)
Dal Comune il piano per mettere fine ai continui blackout

Acqui terme
Il Comune di Acqui vuole mettere fine ai blackout per le strade e ai «ko» ripetuti dell' illuminazione pubblica in quartieri e frazioni, specie durante le ondate di maltempo, ridando smalto anche a quei lampioni che si presentano rovinati e antiestetici. Lo farà con un piano articolato da portare avanti con il gruppo Egea, che gestisce il servizio, e con Collino, a cui fa capo la manutenzione dei punti luce e della rete. Il sindaco Lorenzo Lucchini ne ha parlato su Facebook e, dal municipio, per ora non aggiungono dettagli, in attesa che gli uffici definiscano meglio il programma di lavoro. «Stiamo iniziando un piano di ripristino e manutenzione per le linee di illuminazione pubblica che, ultimamente, hanno dato molti problemi - ha detto Lucchini -. Ci sono già state diverse riunioni con Egea e Collino per focalizzare i punti su cui si è intervenuti di recente con più frequenza e capire, di conseguenza, le cause delle interruzioni. Intanto, si sono dovute trovare delle soluzioni, mettendo mano a pozzetti e interruttori che andavano sostituiti. E una buona parte degli interventi è già stata fatta». Una risposta a chi, nelle ultime settimane, ha lamentato disservizi, dalla strada della Polveriera a piazza Maggiorino Ferraris, passando per alcune frazioni. Non che negli ultimi anni sull' illuminazione si sia fatto nulla. Nel 2015, con l' allora sindaco Enrico Bertero, il gruppo Egea aveva avviato il piano per l' introduzione dei led (oggi sono 4 mila), con la previsione di far risparmiare al Comune 100 mila euro di bolletta l' anno per i primi sette anni e 200 mila l' anno per quelli successivi. Ora, per Palazzo Levi, è venuto il momento di andare oltre. «Si procederà anche dal punto di vista del decoro urbano - prosegue il sindaco Lucchini -. Metteremo mano a tutti quei lampioni che, in città, presentano evidenti segni di vecchiaia: alcuni meritano un intervento sia dal punto di vista estetico sia della sicurezza. In questo caso, partiremo dal centro e procederemo a lotti. Infine, ci sarà un aumento dei punti luce, dove richiesti. Lo faremo già in primavera». Per gli acquesi, c' è sempre la possibilità di segnalare guasti e mancanze all' Urp. D. P.- © RIPRODUZIONE RISERVATA Saranno attuati anche interventi di manutenzione dei lampioni.