AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
06/05/2021 - ITALIA OGGI
Comuni, il parlamento si attiva

Sul tavolo della Bicamerale affari regionali il dossier sugli effetti della sentenza della Consulta
Al via i lavori su una mozione unica che impegni il governo
Il parlamento risponde «presente» all' appello del viceministro dell' economia Laura Castelli su un patto tra le forze politiche a tutela dei comuni. Sarà la commissione bicamerale per le questioni regionali la sede dove inizierà il percorso condiviso per elaborare una proposta unitaria utile a salvare gli oltre 800 municipi a rischio default (si veda il box qui a fianco) dopo la sentenza della Corte costituzionale che ha bocciato il ripiano trentennale dei disavanzi comunali proprio alla vigilia della chiusura dei bilanci preventivi e consuntivi. Su proposta del capogruppo di Forza Italia in Commissione bicamerale per le questioni regionali, Roberto Pella, (che è anche vicepresidente vicario dell' Anci), saranno auditi nei prossimi giorni i rappresentanti dell' associazione dei comuni, il ministro dell' economia, Daniele Franco e il viceministro Castelli. A queste interlocuzioni seguirà un documento congiunto (una risoluzione o una mozione) comune a tutte le forze parlamentari che impegnerà il governo a venire in aiuto degli enti locali entro il termine di approvazione dei bilanci, fissato per il momento al 31 maggio. La proposta di Pella è stata accolta dalla presidente della commissione, Emanuela Corda, e condivisa da tutti i capigruppo. «In sintonia col viceministro Castelli cercheremo di affrontare questo tema oltre che nelle sedi politiche anche nella bicamerale per le questioni regionali che è la sede più opportuna essendo l' unica commissione bicamerale di rango costituzionale dove siedono deputati e senatori di tutti i partiti», ha spiegato Pella. «Il Parlamento sarà risoluto nel trovare una soluzione che eviti il dissesto finanziario di molti comuni. La questione assume un' importanza fondamentale, soprattutto alla vigilia di una stagione nella quale le amministrazioni pubbliche territoriali saranno chiamate a non vanificare il grande sforzo della ripartenza, contribuendo alla realizzazione concreta di numerosi progetti presenti nel Recovery Plan». «È stato lo stesso presidente del consiglio Mario Draghi a ribadire in Parlamento il ruolo strategico degli enti locali nella gestione delle risorse del Pnrr», ha proseguito il vicepresidente Anci. La richiesta di un intervento urgente, intanto, è già arrivata sul tavolo del numero uno del Mef. I presidenti di Anci e Upi, Antonio Decaro e Michele de Pascale, hanno scritto al ministro Franco (e per conoscenza anche al ragioniere generale dello stato, Biagio Mazzotta, al capo di gabinetto di via XX Settembre, Giuseppe Chinè e all' ispettore capo Salvatore Bilardo) per metterli in guardia dagli «squilibri gestionali irreparabili» che la sentenza della Consulta produrrebbe negli enti già impegnati in percorsi di ripiano dei disavanzi pregressi. Gli enti rischiano infatti di dover iscrivere nel bilancio di previsione 2021-2023 quote di restituzione del debito significativamente aumentate rispetto a quanto consentito dalle norme (articolo 39-ter, commi 2 e 3 del decreto legge 162/2019) bocciate dalla Consulta.

FRANCESCO CERISANO