AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
14/10/2021 - CORRIERE DELLA SERA
Bandi su misura e aiutini agli amici A Voghera scoppia «concorsopoli»

Truccati i requisiti per gli incarichi. Nei guai dirigenti e funzionari della partecipata comunale
voghera (pavia) Una vera e propria «concorsopoli» vogherese, in cui per passare l' ammissione e ottenere un contratto o un posto nella partecipata del Comune, dovevi essere amico del politico di spicco, o ricambiare nomine con favori ad amici e conoscenti. Questo è lo scenario portato alla luce dai finanzieri di Voghera. Abuso d' ufficio, turbativa d' asta, e falso ideologico commesso dal pubblico ufficiale in atti pubblici contestati a sei funzionari e dirigenti di Asm Voghera e Asm Vendite e Servizi. Le indagini, durate oltre due anni, e dirette dal Sostituto Procuratore Paolo Mazza e coordinate dal Procuratore Mario Venditti, hanno portato alla sospensione dall' esercizio di ogni pubblico ufficio o servizio dei sei funzionari a seguito di perquisizioni di uffici e informatiche, nelle province di Pavia, Milano, Brescia e Modena. A finire nel mirino dell' inchiesta sono stati: Monica Sissinio, presidente del Cda di Asm Vendite e servizi, la sua vice Laura Anselmi, Edoardo Lazzati, attuale legale rappresentante di Federmanager Pavia e già legale rappresentante di Asm Voghera. Con loro anche tre membri della commissione giudicante dei concorsi, nominata dal Cda, ossia Stefano Spagoni, presidente nominato su indicazione di Lazzati, Daniela Bruni e Laura Quaini; Michele Chiappa, vincitore del concorso per responsabile operativo del 2019, e Davide Cipollina, consigliere di amministrazione di Asm vendite e servizi. Tutti risultano indagati (Chiappa e Cipollina non sospesi). In occasione di due concorsi per l' assunzione del responsabile operativo e di ulteriori 13 dipendenti a tempo indeterminato in Asm Vendite e Servizi, la controllata di Asm Voghera, gli avvisi pubblici venivano redatti ad hoc, cuciti addosso al candidato prescelto, ossia la persona che a cui era stato promesso il posto. In base a questo meccanismo caratteristiche e requisiti venivano infatti palesemente modificati affinché corrispondessero alle esperienze lavorative dell' unico candidato idoneo ad ottenere il posto pubblico. Le indagini inizialmente si sono concentrate sui componenti del Consiglio di Amministrazione di Asm Vendite e Servizi: secondo gli investigatori, la presidente e la vice presidente Sissinio e Anselmi sarebbero riuscite a fare pressioni sulla commissione per la nomina dei dipendenti. Nelle intercettazioni agli atti si comprende quanto i risultati dei concorsi fossero truccati: «Abbiamo riguardato tutti i punteggi - rassicura una esaminatrice -. Siamo riusciti a salvarne uno, l' altro no... mi sembra una buona mediazione». Si passavano le selezioni e si ottenevano contratti da firmare non per effettivi meriti, ma per i giusti agganci con il tal politico di riferimento. Accordi, favori, incontri in uffici privati per decidere chi mettere nei posti dirigenziali. Ingerenze politiche croniche per far passare i candidati prescelti, anche quando venivano esclusi dalla graduatoria. I risultati dei concorsi, come confermato dai finanzieri vogheresi, venivano palesemente falsificati per assegnare determinati cariche. Anche i contratti dei dipendenti prediletti, ma interinali, venivano prolungati e rinnovati con magheggi burocratici anche se non più prorogabili, grazie alla compiacenza di uno studio di consulenza milanese, a discapito di chi quel concorso o quel posto lo attendeva da mesi. «Le indagini riguardano fatti risalenti a una precedente gestione delle società partecipate dal Comune - ha commentato il sindaco di Voghera, Paola Garlaschelli - Riponiamo come sempre massima fiducia nel lavoro della magistratura. Si è peraltro conclusa da pochi giorni una due diligence condotta dal nuovo consiglio di amministrazione di Asm Voghera Spa sull' operato delle società partecipate, che ha evidenziato fatti che, come dovuto, verranno portati all' attenzione della Procura e della Corte dei Conti e che potranno essere utili alle indagini».

ELEONORA LANZETTI