AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
08/04/2021 - LA PROVINCIA PAVESE
Vaccini anche nei luoghi di lavoro C'è il protocollo in attesa delle dosi

Per vaccinare i lavoratori italiani adesso mancano solo i vaccini. Perché su dove somministrare le dosi ormai le opzioni sono tante essendosi aggiunti ad hub, stazioni, aeroporti anche i posti di lavoro dopo il protocollo raggiunto con un confronto serale tra il ministro del Lavoro e le parti sociali. Un' intesa che aggiorna anche gli accordi già raggiunti lo scorso anno a inizio pandemia sulla sicurezza nei posti di impiego. Possono così prendere il via le vaccinazioni nelle fabbriche e in tutti i luoghi di lavoro, con il supporto dei medici aziendali e della rete Inail. L' adesione dei lavoratori è ovviamente su base volontaria. L' iniziativa è stata salutata dal ministro Andrea Orlando come una buona notizia e una opportunità in più. Sui tempi di partenza, ha però ammesso anche Orlando la data è «legata all' arrivo delle dosi necessarie». In base al protocollo i datori di lavoro possono, singolarmente o in forma aggregata procedere alle inoculazioni anche indipendentemente dal numero di lavoratrici e lavoratori occupati potendosi avvalere del supporto o del coordinamento delle Associazioni di categoria di riferimento. I costi per la realizzazione e la gestione dei piani aziendali di vaccinazione, inclusi i costi per la somministrazione, sono a carico del datore di lavoro, mentre la fornitura dei vaccini e dei dispositivi per la somministrazione (siringhe, aghi) è a carico dei Servizi sanitari regionali. Se la vaccinazione viene eseguita in orario di lavoro, stabilisce inoltre il protocollo, il tempo necessario è equiparato all' orario di lavoro. Le imprese che già hanno aderito alla campagna sono 7.500 afferma Confindustria dicendosi pronta a «supportare la sfida». Anche Confservizi (la confederazione che attraverso Utilitalia e Asstra riunisce 600 imprese) ha sottoscritto il Protocollo. Il presidente, Andrea Gibelli, ha dichiarato: «Così il nostro sistema confederale aumenterà il livello di sicurezza di oltre 300.000 addetti». --