AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
14/10/2021 - LA PROVINCIA PAVESE
La sindaca: «Ci sono altri fatti gravi» Il Pd: «Commissione d' inchiesta»

le reazioni
VOGHERA«Ai fatti che hanno riguardato il consiglio di amministrazione di Vendita e Servizi risponderemo con documenti che hanno evidenziato altri fatti che saranno portati all' attenzione della procura della Repubblica». Dice così la sindaca Paola Garlaschelli che, non va dimenticato, quando si svolse il concorso era all' interno del collegio dei revisori dei conti di Asm. Sulle indagini della Guardia di Finanza di Voghera che sono culminate con denuncia alla procura della Repubblica di Pavia di 8 persone per gravi reati contro la pubblica amministrazione, interviene dunque la sindaca Garlaschelli: «Abbiamo avuto notizia di un' indagine su fatti risalenti a una precedente gestione delle società partecipate dal Comune. Riponiamo come sempre massima fiducia nel lavoro della magistratura, al fine di comprendere al meglio le circostanze di tali indagini - dichiara Paola Garlaschelli -. Si è peraltro conclusa da pochi giorni una due diligence condotta dal nuovo consiglio di amministrazione di Asm Voghera Spa sull' operato delle società partecipate, che ha evidenziato fatti che, come dovuto, verranno portati all' attenzione della Procura e della Corte dei Conti e che potranno essere utili alle indagini». La capogruppo del Pd, Ilaria Balduzzi va all' attacco. «Sulla questione noi avevamo già presentato più di un' interpellanza e proprio su quello che oggi i magistrati evidenziano e cioè le caratteristiche di quel concorso che sembravano proprio fatte per individuare delle persone in particolare. Secondo punto - continua Balduzzi - è che la sindaca era allora presidente del collegio dei revisori e uno dei sui compiti era quello di avere un controllo su tutte le questioni amministrative e quindi anche sui concorsi. Quello che ha affermato la sindaca subito dopo aver saputo delle indagini mi lascia perplessa: mi spiace - conclude Balduzzi - ma il suo ruolo in questa vicenda non è un ruolo terzo. A maggior ragione invoco la costituzione di una commissione di indagine in seno al consiglio comunale che assista e accompagni in questo processo». --ALESSANDRO DISPERATI.

ALESSANDRO DISPERATI