AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
16/06/2021 - CORRIERE DEL TRENTINO
Fondo Equitix in Deh «Il nostro ingresso è solo il primo passo»

Conclusa l' acquisizione del 5% di Ft energia
TRENTO Il fondo infrastrutturale Equitix diventa socio di Dolomiti energia holding (Deh), la multiservizi con sede a Trento e un giro d' affari vicino a 1,5 miliardi di euro. Ora è ufficiale. Ieri la società «La Finanziaria Trentina» ha annunciato la conclusione della compravendita con gli inglesi della quota del 5% detenuta in Deh tramite il veicolo Ft energia. Un' operazione da circa 50 milioni di euro. «Ci auspichiamo che l' ingresso nel capitale della società possa essere il primo passo di una collaborazione strategica con il Gruppo Dolomiti energia e tutti i suoi azionisti, con un solido partner finanziario come Equitix», commenta Fabio D' Alonzo, managing director e responsabile degli investimenti europei di Equitix. La Finanziaria Trentina resterà quindi il primo socio privato di Deh non più con l' 11,87% delle azioni, bensì con il 6,87%. «L' investimento in Dolomiti energia è stato il primo del Gruppo La Finanziaria Trentina - dichiara però il suo amministratore delegato Massimo Fedrizzi (in foto ) - e resta il suo principale asset anche dopo questa importante dismissione». Prima di questa operazione, la holding trentina - che conta 74 soci azionisti nell' imprenditoria locale - deteneva circa i due terzi del patrimonio (110 milioni di euro) proprio in Dolomiti energia. Troppo rischioso. «Il focus è sempre il Trentino dove si concentra oltre il 90% dei propri investimenti (circa una ventina al momento) - aggiunge Fedrizzi -, ma in un' ottica di sana e prudente gestione dei risparmi di molti imprenditori trentini è corretto un minimo di diversificazione». Allo stesso tempo, l' operazione appena conclusa con Equitix (che gestisce capitali per 8 miliardi di euro) «arricchisce la compagine sociale di Dolomiti energia di uno dei più grandi player infrastrutturali europei, con grandi dotazioni finanziarie e una particolare expertise nel campo delle concessioni hydro - conclude Fedrizzi -. Introduce in Trentino uno dei pochi attori finanziari che investe con logiche di lungo periodo promuovendo fondi a 25 anni, i cosiddetti capitali pazienti (capitale finanziario impiegato con criteri etici e responsabili, ndr ) più volte richiamati anche dalla parte pubblica». Il che risulta strategico anche, e soprattutto, per la partita della futura ed eventuale gara per l' aggiudicazione delle 17 concessioni idroelettriche trentine in mano a Dolomiti energia e in scadenza nel 2023.

T. D. G.