AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
16/04/2021 - IL MATTINO DI PADOVA
Etra, Degani in corsa per il centrodestra Ma la Lega nicchia

CITTADELLA Rinnovo della governance di Etra, i partiti si rimettono oggi al tavolo, ma il risiko si complica. Perché l' incastro sulla multiutility apre la trattativa su altre poltrone e gli appetiti sono molti e variegati. Emergono i nomi forti per la guida della società di acqua e rifiuti e i rumors fanno spuntare quello autorevole dell' ex sottosegretario Barbara Degani.Nel braccio di ferro fra le forze politiche ci sono alcuni punti fermi: sulla base dei patti parasociali, a guidare il consiglio di sorveglianza dev' essere un amministratore bassanese, a condurre invece il consiglio di gestione, un padovano. Si deciderà tutto in estate ma è già aperto il confronto, non del tutto parallelo, anche sulla successione al presidente della Provincia Fabio Bui, che scade l' anno prossimo. Le posizioni di partenza vedono la Lega in pole, ma salviniani e fedelissimi di Zaia - nonostante il peso nelle amministrazioni locali - non esprimono né la guida di Palazzo Santo Stefano né quella di Etra. Per questo il Carroccio punta a fare l' asso pigliatutto. E, per rompere le uova nel paniere leghista, gli altri cercano di organizzarsi attorno a vaste coalizioni. In questo schema, salgono le quotazioni di Degani per la successione di Andrea Levorato al consiglio di gestione: l' ex presidente della Provincia è stata sottosegretario all' Ambiente dal 2014 al 2018, con i governi Renzi e Gentiloni, e alle ultime comunali ha sostenuto Sergio Giordani per la corsa a Palazzo Moroni. Perciò il suo nome, pur arrivando dal centrodestra, potrebbe essere interessante per una parte del Pd.Strada in discesa? Nei corridoi si organizzano i distinguo e si fa notare che, uscita dal governo, Degani ha avuto una consulenza per AcegasApsAmga, in relazione alla discarica di Roncajette, incarico svolto senza conflitto di interessi. Tanto basta ad alcuni sindaci di Etra, da sempre ostili ad una realtà imponente come il Gruppo Hera, per vedere un "collegamento" difficile da digerire. -- S.B.

S.B.