AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
10/06/2021 - LA NAZIONE (ED. FIRENZE)
Benedetti vaccini, hub davanti alla chiesa

Il piazzale di San Giovanni all' Autostrada ospiterà il centro vaccinale. Intanto, ieri mattina, prima somministrazione in farmacia
FIRENZE È stata Laura Giovannuzzi la prima a vaccinarsi in farmacia ieri mattina, inaugurando così un nuovo filone di somministrazioni in Toscana. «Mi sento bene - ha detto - ora vado a lavorare». Per lei, il vaccino monodose della Johnson&Johnson (quello previsto appunto per le farmacie), che le è stato somministrato alla comunale di viale Europa, a Firenze. Grazie all' accordo siglato dalla Regione con Federfarma Toscana e Confservizi Cispel Toscana, è infatti partita la possibilità per le farmacie toscane di somministrare i vaccini alle persone tra i 60 e i 79 anni. A Firenze sono due quelle attive, in viale Europa e in via de' Renai, ma presto il servizio verrà attivato anche in altre. Per ora a ciascuna arriveranno settimanalmente 2-3 fiale da 5 dosi, per un massimo di 15 somministrazioni. «Ringrazio i farmacisti - ha detto il presidente della Regione, Eugenio Giani intervenendo insieme all' assessore alla Salute, Simone Bezzini - con i quali abbiamo fatto una convenzione. In un primo momento avevamo scelto il 15 giugno per la partenza, ma sono felice che qualcuno abbiamo voluto anticipare». «Firenze è la prima città toscana e tra le prime in Italia a somministrare il vaccino anti Covid in farmacia - ha commentato il sindaco Dario Nardella -. Voglio ringraziare Afam, l' azienda delle farmacie comunali di cui il Comune è socio. Con Apoteca Natura siamo riusciti a partire subito e adesso aspettiamo che si sblocchi la procedura per altre farmacie per avere più presidi». Il primo cittadino ha anche annunciato una lettera a tutti i fiorentini tra i 60 e i 79 anni per invitarli a completare la vaccinazione. Continua intanto ad allargarsi la rete degli «hub» aziendali. Partirà infatti proprio da Firenze il piano di vaccinazione anti Covid 19 di Autostrade per l' Italia, grazie alla collaborazione con la Regione Toscana. È destinato a 3500 persone tra dipendenti, familiari, fornitori e cittadini esterni. L' hub, posizionato nel piazzale della Chiesa dell' Autostrada a Firenze Nord, diventerà operativo da oggi e qui verranno inoculate oltre 200 dosi al giorno per un totale di 3.500, tutte messe a disposizione dalla Regione. Per accedere alla somministrazione i cittadini potranno prenotarsi attraverso il portale regionale mentre i dipendenti, familiari e fornitori del gruppo Aspi seguiranno una procedura di accreditamento interno all' azienda. «Siamo orgogliosi di mettere a disposizione le nostre strutture per contribuire all' avanzamento del piano vaccinale - ha dichiarato Roberto Tomasi, amministratore delegato di Autostrade per l' Italia - garantendo strumenti, aree e personale medico specializzato a servizio dei cittadini ma anche dei nostri dipendenti e dei loro familiari». Le vaccinazioni verranno effettuate dal lunedì al sabato con orario continuativo, dalle 9 alle 17.30, fino a esaurimento delle dosi messe a disposizione. Trattandosi di vaccino Pfizer, sarà possibile riprendere con le attività nel mese di luglio, per garantire le seconde dosi nelle stesse modalità. Nel centro lavoreranno 5 medici, 4 operatori sanitari, e 5 addetti alla logistica e all' amministrazione oltre ai medici competenti di Aspi. Lisa Ciardi © RIPRODUZIONE RISERVATA.