AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
15/09/2021 - LA REPUBBLICA (ED. MILANO)
A2a: "Portiamo la differenziata al 70%"

Il bilancio di sostenibilità
La raccolta differenziata in città registra buonissimi risultati ma si può fare ancora meglio. « Milano è un benchmark tra le Città metropolitane, anche se c' è molto spazio di miglioramento: puntiamo ad arrivare al 70 per cento» dal 64 di oggi su un totale di 747 mila tonnellate di rifiuti urbani raccolti sul territorio. Parola dell' amministratore delegato di A2a, Renato Mazzoncini, che ieri ha presentato il bilancio di sostenibilità della multiutility energetica lombarda - che rendiconta le prestazioni ambientali, economiche e sociali nel 2020 - fissando nuovi eco-obiettivi per la città e sottolineando «quanto sia importante la collaborazione dei cittadini per raggiungerli». Il recupero dei rifiuti è ritenuto strategico. « Dobbiamo spingere sulla raccolta differenziata e trasformare in energia ciò che non si può riciclare » ha aggiunto l' ad, identificando nella transizione energetica e nell' economia circolare i due pilastri del piano industriale del gruppo. Nelle discariche milanesi oggi finiscono solo i resti dei termovalorizzatori, ricorda A2a, anche per questo « l' obiettivo europeo del 10 per cento dei rifiuti in discarica al 2035 è insufficiente: non credo che si possa sprecare il 10 per cento dei rifiuti facendoli andare in discarica». Nel bilancio si evince come ammonti a oltre un miliardo di euro il valore economico distribuito dal gruppo A2a sul territorio della provincia di Milano. Tra gli altri dati, nel quinto bilancio sostenibile vengono citati i 184 milioni di euro investiti per il mantenimento e lo sviluppo degli impianti, 707 milioni di ordinato ai fornitori locali, 610 assunzioni nelle sedi milanesi, di cui il 40 per cento under 30. Sono stati avviati inoltre nuovi progetti per innovare la rete di teleriscaldamento e sono circa 6 milioni i chilometri percorsi a emissioni zero grazie alle colonnine di A2a e 170mila i punti luce Led gestiti a Milano e in provincia. Le energie rinnovabili sono un fronte in cui credere, anche per combattere i rincari sulle bollette paventati in questi giorni: «I rincari sono legati principalmente all' aumento del costo di gas e olio combustibile, il che dimostra che abbiamo una strada importante da fare sulle rinnovabili, bisogna accelerare la transizione» spiega Mazzoncini. Che ribadisce l' importanza di investire anche sull' elettrico: «Si parla molto di mobilità elettrica e della necessità di produrre energia rinnovabile, ma oggi Milano viaggia con una produzione energetica che arriva dal gas e vale 1,5 volte quella che arriva dall' elettricità: serve un investimento da 1,5 miliardi per rifare le reti elettriche». - i. c. © RIPRODUZIONE RISERVATA k Resoconto La presentazione del bilancio.