AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
22/07/2021 - LA NUOVA FERRARA
Gruppo Hera al vertice della gestione del rischio sociale e ambientale

La classifica dell' indice internazionale s&p
il report Il gruppo Hera si conferma tra le realtà più attente alla sostenibilità a livello internazionale. È stata pubblicata la Esg Evaluation di Hera, realizzata dagli analisti di Sustainable Finance di S&P Global Ratings. È una valutazione cross-industry delle capacità di una società di gestire efficacemente, nel medio e lungo termine, la propria esposizione ai rischi ambientali, sociali e di governance, e di cogliere le nuove opportunità.Hera è la prima società in Italia ad aver pubblicato la propria Esg Evaluation, dalla quale ha ottenuto un punteggio complessivo di 81/100, risultando tra le prime quindici migliori società a livello internazionale valutate da S&P Global Ratings. Il punteggio ottenuto (81) la posiziona ben al di sopra della media internazionale (68) ed europea (73) e la colloca al quinto posto a livello internazionale tra le utility networks (per cui la media di settore è pari a 74). In particolare, il gruppo viene valutato come fortemente preparato a mettere in atto la propria strategia di crescita e sviluppo, pronto ad affrontare i potenziali rischi derivanti dalle regolamentazioni di una economia che si orienta verso il modello circolare, a basse emissioni, a sostegno della resilienza del proprio modello di business, ben diversificato. Tra i fattori maggiormente distintivi sono stati valutati positivamente: una governance solida, caratterizzata da un alto livello di indipendenza e di trasparenza; la dimostrata capacità di anticipare i cambiamenti e un solido percorso nel fissare e raggiungere obiettivi; l' abilità nel capitalizzare i principi dell' economia circolare investendo in tecnologia ed innovazione; una strategia di crescita nel lungo termine ancorata a principi di sostenibilità (con la creazione di valore condiviso, in linea con gli obiettivi dell' Agenda 2030); equilibrio di genere grazie a un' elevata percentuale di donne in posizioni manageriali e l' approccio inclusivo delle comunità locali, con iniziative mirate. --© RIPRODUZIONE RISERVATA.