AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
22/09/2021 - GAZZETTA DEL SUD
Taormina, sui rifiuti c' e ancora tanto da fare

Dopo l' emergenza a Lentini
Appello del sindaco Bolognari: arrivare al 65% di differenziata
TAORMINA L' emergenza della discarica di Lentini che ha ridotto il quantitativo di conferimento di indifferenziata per i comuni, spinge il Comune di Taormina a lanciare un appall() ai residenti in vista dei prossimi 60 giorni che si preannunciano cruciali per il destino della raccolta rifiuti nella Perla dello Ionio. Dopo la comunicazione da parte delgestoredelladiscarica che ha ridotto a 600 tonnellate la portata massima di capienza giornaHera nell' impianto in questione,e arrivata l' annuncio della Regione che ha mediato la situazione ma ha anche concesso due mesi di tempo oltrepassati iquali chi sarà sotto il 65% di raccolta differenziata rischia di dover conferire fuori dalla Sicilia e forse anche all' estero (in Germania). E alIota arriva al bivio anche Taormina, che ad ora e al64,50% di differenziata nel dato totale del 2021 ma ha bisogno di incrementare ancora almeno dello 0,50% questa percentuale per non trovarsi nella zona a rischio. «Le discarichesono ormai sature spiegano il sindaco Mario Bolognari e l' assessore all' Ecologia, Enzo Scibilia - e la Regione Siciliana ha stabilito che i rifiuti indifferenziati dovranno essere conferiti fuori dalla Regione con il conseguente forte innalzamento dei costi. La Tari (tassa sui rifiuti) in questa eventualità potrebbe quindi triplicare. I comuni che superano e mantengono il 65% della differenziata potranno continuare a conferire nelle discariche siciliane. Dal 2022 quanto pagheremo dilati dipende da ognuno di noi». «La Repone ha inviato una nota alla Sicula Trasporti diLentiniper fare accettare i rifiuti indifferenziati e a loro volta trasferirli in due siti ma questa soluzione di emergenzaassolutaelimitata a due mesi», avverte il sindaco Bolognari. L' Amministrazione chiede così ai cittadini di collaborare affinché si riesca ad alzare la percentuale annuale della raccolta differenziata, compiendo quel passo in avanti che potrebbe far balzare la città da 64,50% attuale ad unaquotadi almeno il 65%. CM significa chedaqui a fine anno l' andamento mensile dovrebbe crescere e attestarsi almeno intorno al 70% per alzare la media complessiva dell' anno 2021. La differenzalafarannoleoperazionidiconferimento del vetro e del cartone e dell' umido. La spada di Damocle da allontanare è quella di un aumento del costo del servizio e di conseguenza dellebollette a carico dei cittadini. Dover conferire fuori dalla Sicilia innescherebbe pesanti conseguenze per la comunità locale, che sarebbe costretta a dover pagare di più il servizio diraccolta rifiuti.«Manca un ultimo metro per arrivare al traguardo e per centrare l' obiettivo- afferma il vicesindaco Scibilia-.Eunabattaglia che bisogna affrontare insieme e andama vincere con l' apporto di tutti, che malcome adesso diventa determinante». c.c. 101000,11.210NE RISUIVA,