AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
16/04/2021 - CORRIERE DELLA SERA (ED. BRESCIA)
Garda Uno: conti ok, nuovi investimenti

Bocchio: continueremo a erogare servizi di qualità, Da poco nel noleggio di e-scooter
Trenta milioni di fatturato, in linea con gli anni passati, giacenze di cassa stabili con disponibilità liquide superiori ai debiti con banche e altri soggetti finanziatori, conti in equilibrio. Non solo, anche dopo lo scorporo del ciclo idrico, lo scorso anno sono cresciuti sia i servizi erogati che i Comuni coinvolti. Il bilancio 2020 di Garda Uno - società di capitali a totale partecipazione pubblica - verrà presentato e sottoposto all' assemblea dei soci in maggio ma i fondamentali già ci sono e fanno sorridere il presidente del consiglio di amministrazione di Garda Uno. In una nota la societa spiega che l' incidenza degli oneri finanziari è minima e inferiore al 1% rispetto al fatturato, «a dimostrazione del contenuto indebitamento verso gli istituti di credito», che le riserve patrimoniali sono «importanti» e che quindi si possono affrontare con tranquillità imprevisti e si può evitare di chiedere contribuzioni straordinarie ai Comuni soci. «Questi risultati - spiega Bocchio - mettono la nostra società nella condizione di poter affrontare i prossimi anni con nuovi investimenti, continuando così a garantire una elevata qualità dei servizi, erogati in oltre trenta comuni della provincia bresciana». La copertura della società si sta estendendo e proprio nell' anno appena concluso sono arrivati a ben 34 i Comuni bresciani interessati dai servizi di Garda Uno. I dati sono stati anticipati ieri nell' ambito della tappa bresciana di e-Mopoli, progetto che vede la Provincia capofila di otto regioni europee (Italia, Slovenia, Grecia, Belgio, Finlandia, Norvegia, Romania e Lettonia) impegnate nella promozione di modelli di mobilità elettrica. Oltre ai tradizionali servizi di igiene urbana, energia, illuminazione pubblica, gas, novità relativamente recente (è partito nell' estate 2019, poi il Covid ha un po' rallentato l' espansione e la diffusione) è infatti EWay Sharing, ovvero la realizzazione di una rete di car e scooter totalmente elettrici a noleggio. I Comuni coinvolti sono per il momento 13, tutti dell' area gardesana, 4 le stazioni di car e scooter sharing, 16 le colonnine di ricarica a disposizione, 8 le automobili full electric e altrettanti gli scooter che fanno per il momento parte della flotta, insieme a un pulmino (sempre ad alimentazione elettrica) attrezzato per il trasporto disabili. Il servizio si caratterizza per semplicità (anche tramite app) e pacchetti forfait per le 24 o le 48 ore, abbonamenti settimanali o mensili. «Un progetto pionieristico - afferma il presidente Bocchio -. E se nei nostri bilanci ci fossero state delle criticità non avremmo impiegato per il territorio uomini e risorse per il servizio e way che abbiamo avviato». In maggio la presentazione del bilancio e i nuovi piani. Oltre a conti in ordine e costi sotto controllo, Garda Uno porta sul piatto anche una raccolta differenziata stabilmente superiore al 75% nei Comuni interessati, in gran parte dei quali con un sistema di raccolta porta a porta.

Thomas Bendinelli