AREA COMUNICAZIONE

Rassegna stampa

in collaborazione con P. Review

Consulta la rassegna
10/06/2021 - BRESCIA OGGI
A2A premiata in Borsa per l' intesa con Ardian

L' OPERAZIONE In seguito all' annuncio della joint venture con il fondo francese per l' energia green l' utily è protagonista a Piazza Affari
Il titolo (a quota 1,795 euro) sale ai massimi da febbraio dell' anno scorso. Sala: «Ok, l' iniziativa ha molto senso»
A2A sotto i riflettori a Piazza Affari dopo l' annuncio di un' intesa ad ampio respiro con Ardian (società di investimento di private equity indipendente con sede in Francia) per lo sviluppo di una maxi piattaforma energetica, focalizzata sulla generazione green e sulla fornitura di elettricità in Italia. Il titolo ha chiuso a 1,7915 euro (+1,76%), ai massimi da febbraio 2020. Una partnership accolta con favore dagli azionisti pubblici. «È un' operazione che ha molto senso», ha detto Giuseppe Sala, sindaco del Comune di Milano che, con Palazzo Loggia, controlla oltre il 50% della quotata. «Mi sembra una buona decisione perché anticipa certamente altre mosse di mercato che verranno - ha aggiunto -: tutti stanno andando verso questi settori. Come sempre è una questione di timing, ma l' iniziativa ha molto senso». Come annunciato nella tarda serata di martedì l' intesa prevede che A2A costituisca una newco nella quale conferirà asset della generazione (idroelettrica, cicli combinati a gas, eolico e solare), clienti dell' area mercato e progetti nell' idrogeno. La valutazione preliminare indicativa del perimetro oggetto dell' operazione è di circa 3 miliardi di euro (enterprise value), con un ebitda aggregato di 360 milioni. Ardian investirà nella newco fino a 1,5 miliardi, contribuendo alla realizzazione del piano industriale di A2A e arrivando a detenere il 45% del capitale. Per Equita, società specializzata in consulenza finanziaria, la valorizzazione implicita degli asset inclusi nelle business unit coinvolte nell' accordo, cioè l' area generazione e quella mercato sarebbe pari a 4,1 miliardi. «Considerando l' ebitda adjusted 2020 delle due divisioni pari a 476 milioni l' EV/Ebitda implicito sarebbe di 8,6 volte, che scenderebbe a 6,8 volte sulle nostre stime 2022, grazie all' effetto scenario» (prezzi energia +20 euro/MWh) «e all' impatto dei servizi ancillari e del capacity market» (+40 milioni), aggiunge il broker convinto che «A2A potrà rafforzare la propria struttura patrimoniale, considerato il significativo piano di investimenti e accelerare la crescita nelle rinnovabili». Equita, inoltre, ha evidenziato che andrà valutato quale sarà l' effetto diluitivo sui risultati della società e che «sarà importante verificare la composizione degli asset conferiti e quali clienti saranno apportati nella joint».. © RIPRODUZIONE RISERVATA.